Approvato bilancio Rap, utile da 380 mila euro

Condividi

Tempo di Lettura: 2 minuti PALERMO (ITALPRESS) – A Palermo, presso la sede della RAP, società partecipata del Comune che si occupa della gestione dei rifiuti, si è tenuta l’Assemblea dei soci per l’esame del Bilancio relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2021. In rappresentanza del Comune ha partecipato, per delega del Sindaco, il vicesindaco Carolina Varchi insieme al presidente […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

PALERMO (ITALPRESS) – A Palermo, presso la sede della RAP, società partecipata del Comune che si occupa della gestione dei rifiuti, si è tenuta l’Assemblea dei soci per l’esame del Bilancio relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2021. In rappresentanza del Comune ha partecipato, per delega del Sindaco, il vicesindaco Carolina Varchi insieme al presidente della RAP Giuseppe Todaro, ai componenti del CDA, Edoardo Scarlata, Patrizia Porrello, al collegio Sindacale e delle funzioni dirigenziali competenti.
Alla luce dei pareri favorevoli espressi dagli Organi di controllo in carica (Collegio Sindacale e società di revisione) il Socio Unico ha approvato il bilancio di esercizio 2021 di RAP, con un utile di 380.580 euro, “confermando, ancora una volta (trend già costante dal 2019), l’equilibrio economico dei conti, nonchè il buon stato di salute dei conti dell’Azienda”, si legge in una nota.
“Il Progetto di bilancio, oggi presentato al Socio Unico, espone una situazione patrimoniale più solida con una sensibile riduzione dei debiti verso i fornitori (circa tre milioni); una altrettanto sensibile riduzione dei costi per servizi (circa sei milioni di euro). Il costo del personale rimane costante e si attesta attorno ai 77 milioni”, prosegue la nota.
“In un clima di grande serenità e in pieno regime di collaborazione, anche grazie al lavoro di coordinamento svolto dal mio ufficio controllo partecipate, – dichiara il Vicesindaco Carolina Varchi – oggi ho approvato un importante strumento che consentirà alla Rap di proseguire nel suo percorso di rilancio. Il bilancio 2021, fermo al palo da qualche mese, finalmente – continua la Varchi – viene sboccato tenendo conto degli esiti della transazione con la curatela, Ex Amia, stipulata nell’ottobre scorso che ha definito il passaggio dell’intero complesso immobiliare di Bellolampo alla RAP”.
Sempre questa mattina, in prosecuzione dell’incontro sindacale della settimana scorsa, l’Azienda RAP ha fornito una informativa alle organizzazioni sindacali sul piano industriale che va dal 2023 al 2026.
Nel dettaglio è stato rappresentato: la previsione delle dotazioni impiantistiche, dei mezzi e del personale, l’implementazione sugli obiettivi da raggiungere sulla raccolta differenziata con annessa l’ottimizzazione del polo impiantistico di Bellolampo. Si è trattato anche degli obiettivi da portare avanti sullo spazzamento cittadino e relativo all’area di igiene ambientale e del suolo e del piano del fabbisogno del personale necessario alla RAP per l’attuazione delle linee di indirizzo e sviluppo previste ed inserite nel piano industriale per il quadriennio sopracitato.
Il valore della produzione del piano industriale cresce dai 110 milioni del primo anno fino ai 120 milioni del 2026 e prevede investimenti per oltre 300 milioni di euro.
Le Organizzazione sindacali hanno espresso condivisione al documento programmatico riservandosi di fornire ulteriori riflessioni il prossimo lunedì.
“Dopo la condivisione del piano industriale con le Organizzazioni Sindacali, – spiega il presidente della RAP Giuseppe Todaro – gli atti saranno trasmessi, dopo l’asseverazione da parte degli organi di controllo interni all’Azienda, al Socio Unico e ai competenti uffici comunali, alla giunta e successivamente al Consiglio Comunale. Dopo le prescritte autorizzazioni potremo finalmente avviare, in concreto, il rilancio di RAP in termini di forza lavoro ed investimenti. Oggi la RAP – continua Todaro- è ad una svolta epocale. I prossimi quattro anni potranno cambiare il volto di RAP attraverso un poderoso ingresso di risorse umane, strumentali, impianti ed un importante investimento che tiene conto anche dei finanziamenti di derivazione pubblica messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale Lagalla”.
(ITALPRESS).


Loading