“Sud chiama Nord” entra in Parlamento, “Difenderemo la Sicilia ed i meridionali”

Condividi
Tempo di Lettura: 3 minuti

ROMA (ITALPRESS) – “Sud chiama Nord”, il movimento guidato da Cateno De Luca, l’ex sindaco di Messina, entra in Parlamento con un deputato e una senatrice, Francesco Gallo e Dafne Musolino, ex vicesindaco e assessore al Comune di Messina. La presentazione ufficiale nel corso di una conferenza stampa alla Camera: “Noi non ci siamo fatto intimorire, nè ci impressione il buon Bruno Vespa che si esprime in modo rozzo su un risultato eclatante in Sicilia, sul nostro movimento che diventa il primo partito in Sicilia, che ottiene l’1% nazionale solo con un dato siciliano, questo non desta meraviglia No – ha detto Cateno De Luca -, da un punto di vista della comunicazione mi sento offeso e indignato, si parla dei Moderati, del Movimento di Di Maio, che hanno fatto meno di noi, con tutto il rispetto, hanno fatto un risultato più basso di noi, e non del nostro movimento, qualcuno ha dato la notizia di questi scappati di casa partiti dalla Sicilia che sono stati talmente bravi ad eleggere un deputato e un senatore? No, non c’è riscontro. Dietro questo movimento c’è un gruppo di uomini e donne che sono stati premiati per un buon governo territoriale. Abbiamo dimostrato che lavorando bene sul territorio si può fare e lo abbiamo fatto, questa diventa la notizia. Altro che voto di protesta il nostro è un voto costruito sul territorio, io Masaniello? Mi sono stancato di questo timbro che ancora si mette, io sono un uomo di amministrazione e di governo poi il mio carattere impertinente è un’altra storia, dal punto di vista politica siamo i figli di nessuno ma la nostra azione in parlamento sarà dirompente, non vogliamo scardinare il sistema lo vogliamo cambiare, il nostro è il movimento della meritocrazia”.
La neo eletta a Palazzo Madama, Musolino ricorda un vecchio detto: “Governare fa perdere il consenso? Noi rappresentiamo l’eccezione alla regola, il nostro consenso è cresciuto abbiamo dato la dimostrazione e la prova di aver fatto un buon governo, in un contesto non facile. Il progetto ‘Sud chiama Nord’ nasce da un’esigenza, a livello locale abbiamo fatto la storia di Messina, da soli, ed ora è evidente che per andare avanti e restituire Sicilia a tutto il popolo del sud la loro dignità e i loro diritti dobbiamo alzare l’asticella, noi abbiamo obiettivi sfidanti, c’è tanto da fare”.
Per il collega parlamentare eletto a Montecitorio, Gallo: “‘Sud chiama Nord’ è un movimento politico che realizza i sogni, il primo è quello di una politica bella, senza compromessi, una politica che guarda ai valori delle persone e alle risposte che si devono dare. Essere qui oggi con amici, con persone che si sono battute sul territorio è la realizzazione di un sogno adesso noi mettiamo questa opportunità a disposizione”.
A tutti quelli che fanno politica per passione Gallo dice: “In questo movimento troverete gli spazi che saprete conquistarvi con l’impegno quotidiano mai ho trovato tanta meritocrazia come in questo movimento politico. Il sogno politico che questo movimento ha è avere un’Italia senza divisione, è un patito che si rivolge ai meridionali di tutta Italia”.
Ismaele La Vardera, presidente del Movimento sottolinea: “Da giornalista parlerei del caso ‘Sud chiama nord’, in Sicilia un partito non in coalizione, da solo è riuscito ad eleggere indipendente due parlamentari, non capisco come mai nei salotti televisivi non ci viene dato spazio, noi chiediamo rispetto, un’attenzione che sia concreta. Noi avremo in questo Parlamento due figure di spicco che rappresentano il territorio, abbiamo scelto gente che c’è nel territorio, il nostro progetto è partito dalla Sicilia, che ha già 8 deputati alla Regione, abbiamo fatto un pezzettino di storia che rivendichiamo con orgoglio, difenderemo i diritti dei siciliani qui a Roma”.
foto xc3 Italpress
(ITALPRESS).


Loading