Ingerenza elettorale politico-mafiosa a Bari, 130 indagati

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto BARI (ITALPRESS) – Duro colpo alla mafia barese. Sono più di mille gli agenti della Polizia di Stato impegnati, dalle prime luci dell’alba, a Bari e nell’area metropolitana del capoluogo, a dare esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere e ai domiciliari e a ingenti sequestri di natura patrimoniale nei confronti di 130 […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

BARI (ITALPRESS) – Duro colpo alla mafia barese. Sono più di mille gli agenti della Polizia di Stato impegnati, dalle prime luci dell’alba, a Bari e nell’area metropolitana del capoluogo, a dare esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere e ai domiciliari e a ingenti sequestri di natura patrimoniale nei confronti di 130 persone. I provvedimenti sono stati emessi dal gip presso il Tribunale di Bari, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsioni, porto e detenzioni di armi da sparo, illecita commercializzazione di sostanze stupefacenti, turbata libertà degli incanti, frode in competizioni sportive, tutti reati aggravati dal metodo mafioso, nonchè del reato di cui al 416 ter, in quanto è stato possibile documentare l’ingerenza elettorale politico – mafiosa, in particolare di consorterie criminali di stampo mafioso, nelle consultazioni amministrative per le elezione comunali di Bari, del 26 maggio 2019.
– foto: screenshot da video ufficio stampa Polizia di Stato –
(ITALPRESS).

Loading