Il comune di Palermo firma “Patto con lo Stato”, Lagalla “Evitato dissesto”

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

PALERMO (ITALPRESS) – Sottoscritto “Patto con lo Stato” tra il Comune di Palermo e la Presidenza del Consiglio. Lo rende noto il sindaco Roberto Lagalla: “Si volta pagina e inizia un nuovo capitolo di rinascita – commenta -. Siamo contenti di avere salvato l’Amministrazione dal dissesto e ora ci sono tutte le carte in regola per mettere in atto il Piano di riequilibrio che restituirà al Comune correntezza economica. Abbiamo già ottenuto un incremento finanziario di 40 milioni per il 2024 e, dopo avere evitato l’aumento dell’Irpef per 100 milioni per gli anni 2022 e 2023, proprio col Piano di riequilibrio contiamo di erodere ancora il gettito Irpef anche per i prossimi anni, evitando di gravare sulle economie dei palermitani. Ringrazio il governo Meloni anche per la possibilità di rimodulare il Patto con cadenza annuale, dando al Comune l’opportunità di rivedere l’erogazione delle risorse finanziarie statali in base alle esigenze della città”.
“L’accordo con lo Stato – aggiunge il vicesindaco e assessore al Bilancio Carolina Varchi – è un traguardo fondamentale per il futuro di Palermo che è frutto del grande sforzo di questa amministrazione che ha approvato bilanci che non avevano il via libera da più di due anni. La collaborazione tra il Comune di Palermo e il Governo nazionale è stretta ed è dimostrata dal fatto che, rispetto al Patto elaborato dalla precedente amministrazione, che non ebbe il placet nè degli uffici nè del Consiglio comunale, questo è un accordo che può essere rimodulato di anno in anno, tenendo conto delle specificità e dei bisogni della città, ma soprattutto delle sensibilità di una nuova maggioranza consiliare. Il Consiglio comunale, e con esso i cittadini, sarà protagonista delle modifiche che annualmente saranno apportate. Parallelamente continuiamo a coltivare le interlocuzioni che ci consentiranno di portare maggiori risorse nelle casse del Comune, così come accaduto già durante la finanziaria”.
credit photo agenziafotogramma.it
(ITALPRESS).


Loading