Ita aggiunge voli sulla Sicilia, Deidda-Longi “Ora riforme strutturali”

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto ROMA (ITALPRESS) – “Siamo lieti che Ita dimostri, ancora una volta, la propria vicinanza ai territori e in particolare alla Sicilia, incrementando la capacità offerta per le festività pasquali con tariffe competitive a garanzia della connettività dei passeggeri siciliani”: è quanto dichiarano Salvatore Deidda, presidente della IX Commissione alla Camera dei deputati e Eliana Longi, […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

ROMA (ITALPRESS) – “Siamo lieti che Ita dimostri, ancora una volta, la propria vicinanza ai territori e in particolare alla Sicilia, incrementando la capacità offerta per le festività pasquali con tariffe competitive a garanzia della connettività dei passeggeri siciliani”: è quanto dichiarano Salvatore Deidda, presidente della IX Commissione alla Camera dei deputati e Eliana Longi, deputata di FdI. “Abbiamo voluto incontrare i rappresentanti di ITA Airways per avere aggiornamenti sulle criticità legate ai voli sulla Sicilia e siamo soddisfatti per le azioni intraprese della Compagnia di bandiera. ITA Airways – aggiungono – è riuscita, infatti, a rispondere alle esigenze del territorio contemperando il legittimo interesse alla mobilità dei Siciliani con l’altrettanto imprescindibile sostenibilità economica delle proprie operazioni. Ora, però, è necessario trovare soluzioni strutturali per queso annoso problema e a tal proposito auspichiamo un pacato e costruttivo confronto tra le Istituzioni, sia centrali che regionali, i gestori aeroportuali e la Compagnia di bandiera per condividere soluzioni che possano meglio rispondere alle esigenze del territorio siciliano”.
“Come Commissione Trasporti, insieme anche all’opposizione, stiamo facendo partire l’indagine conoscitiva incentrata proprio sul trasporto aereo da e per le Isole e studiare anche la normativa europea sugli aiuti di Stato. Inoltre, abbiamo già chiesto all’Europa, quando abbiamo approvato il parere sulla rete Ten- T, di riconoscere una normativa specifica per le Isole”, concludono Deidda e Longi.


– foto agenziafotogramma.it –
(ITALPRESS).

Loading