Ad Andrea Bocelli laurea honoris causa dalla Federico II di Napoli

Condividi

Tempo di Lettura: 2 minuti NAPOLI (ITALPRESS) – Andrea Bocelli è il primo Dottore dell’ottocentesimo anno accademico dell’Università Federico II di Napoli. In un’Aula Magna Storica gremita di istituzioni, docenti e studenti il Rettore dell’ateneo, Matteo Lorito, ha conferito al tenore la Laurea magistrale honoris causa in Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali. Prima della proclamazione e dopo la […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

NAPOLI (ITALPRESS) – Andrea Bocelli è il primo Dottore dell’ottocentesimo anno accademico dell’Università Federico II di Napoli. In un’Aula Magna Storica gremita di istituzioni, docenti e studenti il Rettore dell’ateneo, Matteo Lorito, ha conferito al tenore la Laurea magistrale honoris causa in Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali. Prima della proclamazione e dopo la Laudatio academica da parte della coordinatrice del corso di laurea, Paola De Vivo, Bocelli ha tenuto una Lectio Magistralis in cui ha parlato di bellezza e capacità di arte e musica di addolcire l’animo. In chiusura di cerimonia invece, un finale da standing ovation con il tenore che si è esibito intonando due celebri arie: la ‘Mattinatà di Ruggero Leoncavallo e “L’alba separa dalla luce l’ombra” di Tosti e D’Annunzio.
“Il maestro Bocelli ci ha deliziato non solo con la sua musica, ma anche con le sue parole” commenta il rettore della Federico II, Lorito, prima di aggiungere: “Abbiamo sentito parole vere, che inneggiano alla bellezza e al bene, che è anche l’obiettivo della fondazione Bocelli, la quale sta facendo un grandissimo lavoro in zone difficili del pianeta, salvando persone, dando opportunità, portando acqua e servizi primari. Un lavoro straordinario e siamo orgogliosi e contenti di aver avuto oggi qui con noi il responsabile di tutto questo che ci ha regalato questa grandissima emozione”.
“Ricevere una laurea honoris causa qui è una cosa di cui capisco perfettamente l’onore, capisco un pò meno la causa” afferma con un pizzico di ironia il tenore. “Accetto con grande gioia e riconoscenza perchè la vivo come una testimonianza d’affetto e un attestato di stima” spiega Bocelli che in un passaggio della sua Lectio ha evidenziato l’importanza di “essere una goccia d’acqua pura”. “Ci proviamo, è difficile – commenta il neo laureato -. Siamo esseri fragili, deboli peccatori, ma almeno l’impegno bisogna metterlo perchè Dio ci ha dato la libertà e anche se non è facile siamo capaci di essere una goccia d’acqua pura”.
“Andrea Bocelli è una grande personalità, la sua laurea ha un significato importante” sostiene invece il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, parlando a margine della cerimonia. “La fondazione Bocelli – ricorda l’inquilino di Palazzo San Giacomo – sta facendo un investimento molto importante alla Sanità insieme con il Comune e questo è il simbolo di una Napoli che sta crescendo, che è tornata nuovamente alla ribalta nazionale e internazionale e che lo fa con il suo spirito, includendo tutti, aiutando soprattutto le persone più in difficoltà e facendo leva sulla sua straordinaria cultura e la sua grandissima storia. Questi 800 anni della Federico II – conclude Manfredi – in una città millenaria come la nostra, significano il passato ma soprattutto il grande futuro di Napoli e dei napoletani”.


– Foto: Xc9/Italpress –

(ITALPRESS).

Loading