XXIII Congresso Nazionale SIOMMMS, seconda giornata: “Protagoniste le novità scientifiche più accreditate a livello nazionale e internazionale”.

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

In un clima di grande partecipazione, è stato inaugurato ieri pomeriggio, all’Hotel RG Naxos di Giardini Naxos (Me), il XXIII Congresso Nazionale SIOMMMS, organizzato con il patrocino della Regione Siciliana (Assessorato della Salute), dell’Università di Catania e del Comune di Giardini Naxos, in un’ottica cosmopolita di inclusività che la contraddistingue sin dalla sua fondazione. 


L’osteoporosi in gravidanza, il coinvolgimento delle Società dei Pazienti (e, altrettanto, degli infermieri), i problemi legati all’obesità, l’osteoporosi maschile, l’efficacia dei nuovi farmaci che migliorano la qualità di vita del paziente, sono questi alcuni dei temi tra i più rilevanti che continueranno ad essere approfonditi fino a domani 28 Ottobre 2023.

Prof. Iacopo Chiodini e Prof. Agostino Gaudio (da sinistra)

La Sicilia si conferma indiscusso centro internazionale degli interessi della clinica e della ricerca dell’osso. Gli argomenti trattati (interamente illustrati nel programma allegato) ritraggono un tema – quello della clinica dell’osso – di grande interesse per diversi ordini di medici che operano guardando, oltreché alle esigenze sanitarie dei pazienti, alla ricchezza condivisa di costruire sapere diffuso e multidisciplinare. In tal senso i numeri parlano chiaro. Ricordiamo che sono presenti: 127 i relatori, per oltre 700 partecipanti, 27 espositori, 25 aziende sponsor, inclusi 124 abstract scientifici accettati.  

«Del Congresso, che coinvolge esperti nazionali e internazionali e, in modo importantissimo, i giovani che si interessano delle malattie metaboliche dell’osso, sia in ambito clinico che di ricerca, favorendone coinvolgimento e formazione scientifica l’elemento caratterizzante, in vista del fatto che l’osteoporosi è una malattia che riguarda diversi specialisti, è quello della trasversalità. Il fatto di avere due simposi congiunti con l’ASBMR (American Society for Bone and Mineral Research) e l’ECTS (European Calcified Tissue Society) dimostra l’importanza dal punto di vista internazionale del nostro Congresso i cui numeri sono in netta crescita rispetto allo storico di SIOMMMS e dimostrano anche l’ampliamento dell’interesse della classe medica verso queste tematiche, un interesse “trasversale” perché, va ribadito, non c’è solo lo specialista ma ci sono gli internisti, gli endocrinologi, i reumatologi, gli ortopedici, i fisiatri, i ginecologi, i nefrologi. E del resto, la nostra Società è ben radicata anche nel tessuto scientifico italiano grazie alla sua multidisciplinarietà», ribadisce il prof. Iacopo Chiodini (Presidente SIOMMMS).

«Decisamente, il ruolo trasversale per la tematica osso è uno dei punti di forza di SIOMMMS. Altresì, non dimentichiamo il tema del lavoro congiunto con gli odontoiatri per il problema dell’osteonecrosi della mandibola, una complicanza rara che può insorgere per l’utilizzo cronico di alcuni farmaci per l’osteoporosi. Crediamo occorra fare chiarezza e sciogliere la continua diatriba esistente sul tema facendo squadra. È necessario che i medici si parlino per rassicurare il paziente, per diffondere norme di comportamento preziose per evitare l’insorgere di paure immotivate in coloro che fanno uso di questi farmaci», aggiunge il prof. Agostino Gaudio (Coordinatore della Commissione Scientifica SIOMMMS).

Loading