Ronaldo “Parlo quando voglio, Portogallo unito per vincere”

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

DOHA (QATAR) (ITALPRESS) – “Parlo quando voglio, sono a prova di proiettile”. Cristiano Ronaldo rompe il silenzio per la prima volta dall’intervista concessa al “Sun” e lo fa dal ritiro in Qatar del Portogallo. Il suo attacco frontale al Manchester United ha di fatto messo in secondo piano l’avventura mondiale della sua nazionale ma CR7 non sembra farci quasi caso, anzi. “E’ facile dire la propria quando si è dall’altro lato ma il timing dell’intervista non influirà sul nostro Mondiale. Parlo quando voglio farlo, tutti sanno come sono fatto e cosa penso, mi conoscono da 11 anni, non saranno condizionati. Il gruppo è unito e tutti vogliono giocare, non credo che cambieranno opinione per questo episodio”. E in questo senso ribadisce di non avere alcun problema con Bruno Fernandes o Joao Cancelo nonostante quei video che sono circolati e che potevan far pensare altro a dispetto delle smentite ufficiali. “Ci sono sempre polemiche nella fase di avvicinamento ai grandi tornei ma il mio rapporto con lui è eccellente – dice di Fernandes – Sempre tutto quello che gira intorno al sottoscritto genera discussioni ma il mio rapporto con il resto della squadra è eccellente, con Bruno, con Cancelo, con Joao Felix. E a proposito: non chiedete loro di Cristiano, chiedete di loro stessi, delle loro carriere e del Portogallo”. Ronaldo si dice “pronto a iniziare il Mondiale nel modo migliore e centrare gli obiettivi. Abbiamo un potenziale enorme, un buon mix fra giovani e meno giovani ma bisogna pensare prima al Ghana e andare avanti con calma, cercando di crescere. Se saremo i migliori, arriveremo fino in fondo, vincerà la squadra migliore. Le favorite? Brasile, Argentina, Francia, Spagna, Germania, ma abbiamo visto che nel 2016 siamo stati capaci di sorprendere e imporci”. CR7 ha anche la possibilità di superare Eusebio come miglior marcatore del Portogallo ai Mondiali. “Non inseguo i record, i record arrivano. Superare Eusebio sarebbe speciale ma non penso a questo, penso a vincere il torneo. Firmerei per il Portogallo campione del mondo anche senza i miei gol”. Si è parlato tanto anche della foto a scopo pubblicitario scattata insieme a Messi mentre giocano a scacchi (“Era una cosa che volevo fare da tempo, ne vado fiero”) ma sul dibattito relativo al migliore di sempre Ronaldo ribatte: “Ad alcuni piaccio di più e ad altri meno. Ad alcuni piacciono le bionde ed altri le more. La gente dice che sono a fine carriera ma già con quello che ho fatto sono orgoglioso. Ovviamente non sarebbe male vincere anche un Mondiale. Se poi a 37 anni e 8 mesi dovessi ancora dimostrare qualcosa sarei preoccupato… – aggiunge Ronaldo – Rispetto le opinioni degli altri, voglio fare un grande Mondiale per la mia famiglia, per i miei tifosi, voglio vincere, sarebbe magico, abbiamo tutto per riuscirci ma alla fine vince solo una squadra e non dovessimo essere noi sarò comunque felice per quello che ho fatto”.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).


 10 Visualizzazioni