Orlando vince contro Brooklyn, 11 punti di Banchero

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto L’azzurro ancora protagonista con i Magic, Cleveland torna a giocare i play-off

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

ROMA (ITALPRESS) – Vittoria casalinga di Orlando nella notte italiana della regular-season dell’Nba. Di fronte ai quasi 18mila spettatori dell’Amway Center, i Magic superano i Brooklyn Nets per 119-106 nonostante i 44 punti messi a segno per il quintetto della ‘Big Applè da Bridges, top-scorer dell’incontro. Tra i padroni di casa, 21 punti di Anthony, 19 di Wagner e un’altra buona prestazione di Paolo Banchero: la ventenne ala grande-centro nata a Seattle ma con passaporto italiano, prima scelta assoluta al Draft Nba 2022, finisce a referto con 11 punti, 9 rimbalzi e 4 assist in trenta minuti complessivi di impiego. Dopo cinque anni di assenza, Cleveland torna a festeggiare l’ingresso matematico nei play-off. I Cavaliers si impongno nell’impianto di casa per 108-91 su Houston Rockets, che può solo consolarsi per i 30 punti siglati da Green, il più prolifico della serata (24 di Allen e 22 di Mitchell per i locali). Sconfitta interna per i Golden State Warriors, messi al tappeto per 99-96 dai Minnesota Timberwolves trascinati dai 23 punti di Reid (27 di Poole nel team californiano). Affermazioni esterne per Chicago e Memphis: i Bulls espugnano il parquet dei Los Angeles Lakers per 118-108 con 32 punti di LaVine, mentre i Grizzlies violano l’impianto degli Atlanta Hawks per 123-119 sebbene Young realizzi 28 punti contro i 27 di Morant e i 25 di Bane. Boston Celtics a valanga sui San Antonio Spurs: all’ultima sirena lo score è di 137-93 con Brown (41 punti) che ruba la scena a suon di canestri. A segno di fronte ai propri tifosi Charlotte Hornets e Toronto Raptors, rispettivamente contro Dallas Mavericks (110-104) e Washington Wizards 114-104. Successo fuori casa, infine, per Oklahoma City Thunder, che viola il campo dei Portland Trail Blazers per 112-118.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).


Loading