Nuovi strumenti per far conoscere le Sale Operative dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Condividi
Tempo di Lettura: 3 minuti

Quattro nuovi video e alcune infografiche ci aiutano a descrivere le Sale Operative dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma, Napoli e Catania.


di Concetta Nostro, Micol Todesco, Maddalena De Lucia, Vincenza Maiolino, Marco Neri, Alessandro Amato, Lorenzo Cugliari, Anna Nardi e Maurizio Pignone

L’INGV ha fra i suoi compiti quello di monitorare il territorio italiano e garantire la sorveglianza sismica, vulcanica e l’allerta in caso di maremoti. Questo compito è svolto grazie all’azione sinergica delle sue Sale Operative.

Cosa implica questa attività di monitoraggio e di sorveglianza? Come si può tenere sotto osservazione un intero Paese? Per garantire questi importanti servizi, l’INGV ha installato sul territorio nazionale centinaia di strumenti in grado di misurare diversi parametri, ininterrottamente e con grande precisione, proprio per poter rilevare anche le più piccole variazioni. La raccolta di questi dati non è sufficiente da sola a garantire una informazione tempestiva in caso di terremoto, maremoto o eruzione vulcanica. I segnali registrati dai diversi strumenti dislocati sul territorio devono essere analizzati, confrontati tra loro e valutati nel loro insieme. Per questo, gli strumenti di rilevazione, tra loro interconnessi, compongono reti in grado di trasmettere i dati in tempo reale ad un’unica centrale, dove avviene l’elaborazione. Nelle Sale Operative viene quindi effettuata l’analisi di tutti i dati raccolti, utilizzando procedure automatiche, semi-automatiche e manuali, ossia affidate all’occhio esperto del personale in turno.

Le tre Sale Operative dell’INGV. Dall’alto verso il basso: Sala di Sorveglianza Sismica e Allerta Tsunami dell’Osservatorio Nazionale Terremoti, Sala Operativa dell’Osservatorio Etneo, Sala di Monitoraggio dell’Osservatorio Vesuviano

L’INGV ha tre Sale Operative. La prima è gestita dall’Osservatorio Nazionale Terremoti a Roma ed effettua il Servizio di Sorveglianza Sismica su tutto il territorio nazionale e l’Allerta per i Maremoti nel bacino euro-mediterraneo; la seconda, presso l’Osservatorio Vesuviano di Napoli, effettua il monitoraggio delle aree vulcaniche del Vesuvio, dei Campi Flegrei e dell’isola d’Ischia; la terza, presso l’Osservatorio Etneo a Catania, sorveglia i vulcani siciliani (Etna e Isole Eolie).

Quando si osservano variazioni significative dei parametri rilevati ne viene data tempestiva comunicazione al Dipartimento di Protezione Civile e alle autorità competenti. Il servizio di monitoraggio è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, grazie a sistemi di acquisizione ed elaborazione automatica in tempo reale e al lavoro del personale specializzato che presidia le Sale Operative dell’INGV.

Per garantire la sorveglianza sismica e vulcanica del territorio nazionale, l’INGV assicura il corretto funzionamento degli strumenti di rilevazione, delle reti di trasmissione dati e delle banche dati per poter valutare lo stato di attività sismica e vulcanica del Paese in ogni momento.

L’Istituto raccoglie e armonizza l’eredità di tre importanti istituzioni dell’osservazione in ambito geofisico e vulcanologico: quella dell’ING di Roma, da cui nasce la Rete Sismica Nazionale, quella dell’Osservatorio Vesuviano, il più antico osservatorio vulcanologico del mondo, e quella dell’Istituto Internazionale di Vulcanologia, oggi diventato Osservatorio Etneo. Ai tre osservatori storici si è aggiunto, dal 2017, il Centro Allerta Tsunami (CAT). Nella Sala Operativa di Roma il CAT elabora i dati sismici e mareografici dell’intera area mediterranea per identificare eventi sismici potenzialmente in grado di generare un maremoto.

Oggi quattro infografiche e quattro video ci aiutano a raccontare come funzionano le Sale Operative dell’INGV e in che modo segnalano il verificarsi di fenomeni potenzialmente pericolosi.

Infografica relativa ai fenomeni monitorati

In dettaglio, sono disponibili le seguenti infografiche:

I fenomeni monitorati nelle Sale Operative

La Sala di Sorveglianza Sismica e Allerta Tsunami dell’Osservatorio Nazionale Terremoti

La Sala di Monitoraggio dell’Osservatorio Vesuviano

La Sala Operativa dell’Osservatorio Etneo

e i seguenti video:

La Sala di Monitoraggio dell’Osservatorio Vesuviano

La Sala Operativa dell’Osservatorio Etneo

La Sala di Sorveglianza Sismica dell’Osservatorio Nazionale Terremoti

La Sala Operativa del Centro Allerta Tsunami dell’Osservatorio Nazionale Terremoti

Questi prodotti sono stati realizzati nell’ambito del Progetto FISR “Sale Operative e Reti di Monitoraggio del futuro: l’INGV 2.0”.

The post Nuovi strumenti per far conoscere le Sale Operative dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia appeared first on INGVvulcani.

 120 Visualizzazioni