Mondiali2026, Infantino “Saranno il più grande evento mai visto”

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto Fra due anni esatti la 23esima edizione della competizione iridata.

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

ROMA (ITALPRESS) – Come tantissimi appassionati di calcio sparsi in tutto il mondo, il presidente della FIFA, Gianni Infantino, sta “contando i giorni” a due anni esatti dall’inizio della Coppa del Mondo del 2026. La 23esima edizione della competizione iridata, che inizierà l’11 giugno 2026 nell’iconico stadio Azteca di Città del Messico, sarà, a detta di Infantino, “il più grande evento, il più grande spettacolo e il più grande torneo che il mondo abbia mai visto”. Sarà anche la Coppa del Mondo più inclusiva della storia, chiarisce la FIFA, con un record di 48 partecipanti e 16 città ospitanti sparse in tre Paesi: Canada, Messico e Stati Uniti.
“Sto decisamente contando i giorni. Come tutti. Due anni sembrano tanti ma sappiamo che l’appuntamento è molto vicino”, ha precisato Infantino, che consegnerà alla squadra vincitrice l’ambito trofeo dopo la finale, che si giocherà nel New Jersey il 19 luglio 2026.
“Tra due anni il mondo si fermerà a vedere cosa sta succedendo in Nord America. Il trofeo è già qui, pronto, ce ne occupiamo noi, e tutti ci stiamo preparando, con lo sguardo rivolto alla competizione, preparando tutto. Lo stadio Azteca di Città del Messico, sarà il primo a ospitare tre partite di apertura della Coppa del Mondo”, ha spiegato ancora il presidente della FIFA.
“Nelle città ospitanti, ovviamente, stiamo lavorando con le autorità, con i proprietari e i gestori degli stadi e con le comunità locali”, ha aggiunto infine parlando dei due stadi canadesi, dei tre messicani e degli 11 americani dove si svolgeranno le gare della kermesse iridata. “C’è una fantastica collaborazione ovunque. Non vedono l’ora di accogliere milioni e milioni di tifosi da tutto il mondo. Gli stadi sono davvero belli”, ha concluso Infantino.
– foto Image –
(ITALPRESS).


Loading