Mattarella “Senza cooperazione su ricerca covid non sarebbe sconfitto”

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto ROMA (ITALPRESS) – “Il Nobel 2023 per la medicina è stato assegnato alla biochimica Katalin Karikò e all’immunologo Drew Weissman per la tecnologia che ha reso possibili i vaccini più efficaci contro il Covid-19. Sappiamo che questa tecnica, fondata sull’utilizzo dell’RNA messaggero, potrà servire per importanti sviluppi anche in altri ambiti di cura, comprese le […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

ROMA (ITALPRESS) – “Il Nobel 2023 per la medicina è stato assegnato alla biochimica Katalin Karikò e all’immunologo Drew Weissman per la tecnologia che ha reso possibili i vaccini più efficaci contro il Covid-19. Sappiamo che questa tecnica, fondata sull’utilizzo dell’RNA messaggero, potrà servire per importanti sviluppi anche in altri ambiti di cura, comprese le terapie antitumorali”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso della cerimonia di celebrazione de ‘I Giorni della Ricercà. “Un tempo la iper-specializzazione sembrava il destino della ricerca avanzata, ora l’inter-disciplinarietà è divenuta molto più che una opportunità. Si è ormai affermata. Non avremmo sconfitto con questa rapidità il Covid senza una straordinaria cooperazione mondiale della ricerca. Contiamo che non sia un’eccezione, bensì la regola. Un esempio per il futuro. Una strada che l’umanità non deve abbandonare. Va affermato con ancora maggior convinzione in una stagione segnata da conflitti sanguinosi e sconvolgenti”, ha aggiunto. “Abbiamo bisogno della ricerca. Di quel ‘girare attornò alla malattia, assediandola. Anzi questa esigenza di ricerca si accentua con nuove patologie che si affacciano, con le scoperte anche in altri campi che forniscono conoscenze inedite, tecnologie superiori, mezzi di indagine più penetranti. La ricerca è garanzia di futuro. Dopo tanta evidenza, dopo che è stato dimostrato nella drammatica esperienza della pandemia che i costi umani sarebbero stati di gran lunga maggiori senza la scoperta dei vaccini in tempi rapidi, continuano a circolare teorie irragionevoli e anti-scientifiche che non soltanto offuscano la visione del bene comune, ma sovente minacciano la salute stessa dei cittadini, contravvenendo alla prescrizione dell’art. 32 della Costituzione, secondo il quale la salute è, insieme, fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”, ha concluso il capo dello Stato.
(ITALPRESS).
– Foto: Quirinale –


Loading