Lakers ai play-in, Fontecchio chiude la stagione con 20 punti

Condividi

Tempo di Lettura: 2 minuti Brutto episodio in casa Wolves dove Gobert colpisce con un pugno un compagno di squadra

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Tempo di verdetti. Nella notte fra Pasqua e Pasquetta, cala il sipario sulla regular season Nba che definisce il quadro di play-off e play-in. La maggiore incertezza era a Ovest: ad acciuffare gli ultimi due posti disponibili per la post-season sono Clippers e Golden State, mentre i Lakers chiudono settimi e dovranno passare dai play-in. Ai gialloviola non basta il successo (il nono nelle ultime 11 gare) per 128-117 su Utah con 36 punti di LeBron James e 16 punti e 13 rimbalzi di Davis, mentre fra i Jazz brilla Simone Fontecchio che chiude la sua prima annata in Nba con una prestazione da 20 punti (8/18 dal campo con 4/11 da tre), 9 rimbalzi e 2 assist in 31 minuti. I Lakers sono ora attesi da Minnesota (chi passa affronta Memphis) che si aggiudica l’ottavo posto superando 113-108 New Orleans con 26 punti e 13 rimbalzi di Edwards. A far parlare di sè è però Rudy Gobert, che durante un time-out nel secondo quarto colpisce con un pugno il compagno di squadra Kyle Anderson e viene mandato anzitempo negli spogliatoi. I Pelicans se la vedranno ora con OKC (115-100 su Memphis, tripla doppia per Mann con 24+12+12): chi vince affronta la perdente di Lakers-Minnesota, in palio il primo turno dei play-off con Denver. Con un primo quarto da record (55 punti), Golden State surclassa Portland (157-101) ed è sesta nella Western Conference (se la vedrà con Sacramento) alle spalle dei Clippers che battono 119-114 Phoenix con 29 punti di Powell e 25 a testa per Leonard e Westrook. Le due squadre si ritroveranno contro nei play-off ma sarà tutt’altra musica visto che i Suns hanno tenuto a riposo Booker, Durant, Ayton e Paul nell’ultima di regular season.
Definita anche la griglia dei play-in a Est. Miami è settima grazie al 123-110 su Orlando (24 punti per il 42enne Haslem, nei Magic a riposo Banchero) e si giocherà l’accesso ai play-off (chi passa affronta Boston) con Atlanta, battuta 120-114 dagli stessi Celtics in versione rimaneggiata. La perdente avrà una seconda chance con una fra Toronto e Chicago: i Raptors blindano il nono posto grazie alla vittoria su Milwaukee (121-105, i Bucks terminano comunque col miglior record della Lega), ai Bulls non basta battere 103-81 Detroit con 17 punti di LaVine e 16 di DeRozan. Anticipo di play-off fra Philadelphia e Brooklyn: hanno la meglio i Sixers 134-105 al termine di una gara con tanti big a riposo su ambo i fronti. Fuori da tutto, Dallas chiude con una sconfitta nel derby texano con San Antonio, Luka Doncic fa da spettatore ma poi parla a fine gara per smentire alcuni rumors sul suo futuro e in particolare sulla possibile richiesta di cessione: “Sono felice qui, non c’è nulla di cui preoccuparsi”, rassicura i tifosi dei Mavericks.
– foto Image –
(ITALPRESS).


Loading