La vita e l’arte di Luciano Pavarotti in un docufilm di Howard

Dopo il documentario sui Beatles del 2016, Ron Howard sforna un altro film su una star di prima grandezza : Luciano Pavarotti. La storia, la voce, i segreti, la leggenda di Big Luciano dai tempi della sua ascesa, da figlio di un fornaio a stella internazionale che ha venduto 100 milioni di dischi. Ron Howard, regista: Non ne sapevo molto di lui, apprezzavo l’opera ma non è che la capissi molto. E il dualismo in cui ha vissuto la sua vita, la passione che ha messo in tutto ciò che l’ha coinvolto con notevoli doti artistiche, la sua abilità nel cantare e la sua storia privata cose che procedono insieme e che danno la percezione di una vita molto cinematografica. La Coppa del Mondo di Italia 90 è stata l’occasione in cui l’opera ha conquistato il grande pubblico. Sul palco di Roma, Pavarotti insieme ai tenori Placido Domingo e José Carreras si esibisce davanti a un miliardo e mezzzo di telespettatori. Le note sono quelle di Nessun Dorma. Ron Howard: Che cosa significa dedicarsi a una forma d’arte così difficile, impegnativa e in definitiva significativa come l’opera? Abbiamo cercato di dimostrare che è quasi un esercizio atletico tocare quelle note. Quel tipo di impegno è qualcosa che si applica all’opera ma anche a tanti altri aspetti dello sforzo umano. Il documentario sulla vita e l’opera di Pavarotti è già in distribuzione negli USA e alla fine di giugno sarà presentato anche in Europa.

Condividi