Il nodo”, Ambra Angiolini e Arianna Scommegna in scena da sabato 18 marzo all’ABC di Catania

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

CATANIA. Ambra Angiolini e Arianna Scommegna saranno le protagoniste di una grande prova attoriale al Teatro ABC di Catania per il settimo appuntamento della stagione di prosa “Turi Ferro”. In scena “Il nodo” di Johanna Adams, una delle più interessanti drammaturghe americane, già vincitrice di numerosi premi. Il testo, tradotto da Vincenzo Manna e Edward Fortes, arriva in Italia con un allestimento firmato dalla regista Serena Sinigaglia e la coproduzione di Società per Attori e Goldenart Production. Sei le repliche previste al Teatro ABC: sabato 18 marzo (ore 21), domenica 19 marzo (ore 18), venerdì 24 marzo (ore 21), sabato 25 marzo (ore 17.30 e 21), domenica 26 marzo (ore 18).


Un’aula di una scuola pubblica. È l’ora di ricevimento per una insegnante di una classe di prima media (Arianna Scommegna). È tesa, ha la testa altrove, è in attesa di una telefonata che non arriva mai. Al colloquio si presenta inaspettatamente la madre di un suo allievo (Ambra Angiolini). Vuole parlarle, ma non sarà un dialogo facile. Suo figlio alcuni giorni prima è stato sospeso, è tornato a casa pieno di lividi e lei vuole a tutti i costi capire il perché. È stato vittima di bullismo o forse lui stesso è stato un molestatore… forse l’insegnante l’ha trattato con asprezza…

Sciogliere questo nodo, cercare la verità è l’unica possibilità a cui aggrapparsi. Perché, come conseguenza del fatto, il figlio ha commesso qualcosa di tremendo, di irreparabile.

E solo un confronto durissimo tra le due donne potrà dare un senso al dolore, allo smarrimento e al loro reciproco, soffocante senso di colpa.

““Il nodo” – spiega Serena Sinigaglia – non è semplicemente un testo teatrale sul bullismo (il che, comunque, basterebbe a renderlo assolutamente attuale e necessario), è soprattutto un confronto senza veli sulle ragioni intime che lo generano. Osa porsi le domande assolute come accade nelle tragedie greche, cerca le cause e non gli effetti. Ed è questo aspetto ad attrarmi di più. Heather Clark e Corryn Fell non sono solo l’insegnante e la madre di Gidion. Il loro conflitto, come quello tra Medea e Giasone, tra Dioniso e Penteo, tra Eteocle e Polinice, racchiude in sé tutti noi come singoli individui e tutti noi come società. E ci pone di fronte alle nostre responsabilità: per ogni ragazzo ferito, umiliato, ma anche per chi umilia e ferisce, siamo noi ad essere sconfitti – conclude la regista – come individui e come società, nostra è la responsabilità, nostra è la pena e il dolore”.

Haether e Corryn sono due figure tragiche che si fronteggiano, il campo di battaglia è la classe, il tempo è quello dell’ora dei colloqui e per l’esattezza dalle 14.45 alle 16.15. Un’ora e mezza di attacchi, difese, strategie, accordi sperati e immediatamente traditi, senza sosta. Una grande prova d’attore. Ambra Angiolini e Arianna Scommegna combatteranno per noi, sul palco, questa battaglia nella speranza che si possa tornare a parlarsi con senso di responsabilità e di rispetto. Perché parlarsi è meglio che combattersi, sempre.

Per informazioni sullo spettacolo 095 538188 – 333 7781632. Botteghino al Teatro ABC da martedì a sabato 16:00/20:00, giovedì anche 10:00/13:00. Costo biglietti: platea 35 euro, tribuna 30 euro. Biglietteria online: https://ilteatro.botteghinoweb.com

Loading