Il Collegio di Garanzia dice no alla Reggina in B

Condividi

Tempo di Lettura: 2 minuti Accolto invece il ricorso del Perugia contro il Lecco

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

ROMA (ITALPRESS) – Il ricorso della Reggina nei confronti della Figc e della Lega serie B contro la mancata concessione alla società della licenza nazionale, con conseguente non ammissione al campionato di Serie B 2023/2024, è stato giudicato dalla sezione del Collegio di Garanzia dello Sport, presieduta da Tammaro Maiello, presidente di Sezione della Corte dei Conti, “in parte inammissibile e in parte infondato”. Arriva dunque il no alla richiesta di annullamento della nota con la quale la Covisoc, con riferimento al rilascio della licenza nazionale, aveva rilevato a carico della società, “il mancato rispetto di alcuni dei criteri legali ed economico finanziari previsti per l’ottenimento della licenza nazionale ai fini dell’ammissione al campionato di Serie B 2023-2024”. La Reggina aveva fatto ricorso dopo la sentenza del Consiglio Federale della Figc, che venerdì 7 luglio aveva escluso il club calabrese dal campionato cadetto. L’iscrizione della società calabrese era stata presentata martedì 20 giugno, ma non era stata accettata prima a causa dei mancati pagamenti all’Erario per 757 mila euro e poi, nonostante il pagamento della cifra, ancora rifiutata perchè non effettuato nei termini previsti secondo la Covisoc e la Federcalcio che hanno deciso per l’esclusione dal campionato. Adesso anche il Collegio di Garanzia ha dato il suo verdetto, anche se non sarà l’ultimo round: il club calabrese, infatti, può ancora ricorrere al Tar, con udienza prevista per il 2 agosto, mentre il Consiglio di Stato ha un’udienza fissata per il 29 agosto quando teoricamente il campionato di serie B dovrebbe essere già partito. Respinto, poi, il ricorso del Siena e giudicato inammissibile quello del Foggia mentre è stato “accolto, nei sensi di cui in motivazione”, il ricorso presentato dal Perugia contro Figc, Lega di B e nei confronti del Lecco per “l’annullamento del comunicato ufficiale della Federazione” relativo alla “conseguente ammissione” della società lombarda al prossimo campionato di serie B.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).


Loading