Fise ed Eni in campo per sport equestri più sostenibili

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto Il presidente federale Di Paola: “Orgogliosi di dare un contributo a un tema cosi’ importante”

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

ROMA (ITALPRESS) – Sviluppare iniziative congiunte che portino a una transizione energetica delle attività equestri rendendole sempre più sostenibili: l’accordo tra Federazione Italiana Sport Equestri, Eni e Scuderia 1918, siglato durante il 90° Concorso ippico internazionale Piazza di Siena, permetterà infatti di rendere ogni edizione del concorso sempre più green con particolare attenzione alla riduzione dell’impatto ambientale. “Una delle comunità alle quali stiamo guardando è quella del comparto equestre, realizzando iniziative legate all’utilizzo delle energie rinnovabili così come c’è la volontà di cercare di sviluppare il tema del trasporto dei cavalli. Le scelte devono essere sostenibili nel tempo ed anche dal punto di vista economico”, ha sottolineato Maurizio Maugeri, Head of Sustainable B2B Energy Evolution di Eni. L’obiettivo, quindi, è quello di creare una maggiore sostenibilità, finalizzata alla promozione di modelli di decarbonizzazione dei circoli ippici e delle principali scuderie nazionali, con una visione strategica basata su iniziative concrete coerenti con i principi delle discipline equestri. “Per noi è un onore siglare un accordo con due sponsor importanti degli sport equestri che sostengono i valori che condividiamo nello sport. Abbiamo questo bellissimo compagno di sport, il cavallo, che per molti è anche un compagno di giochi pronto ad insegnarci valori importanti. Poter dare un contributo a un tema importante come l’ambiente è un motivo di orgoglio ed è anche importante per il futuro”, le parole di Marco Di Paola, presidente della Federazione Italiana Sport Equestri, aprendo poi a un futuro sempre più green per il mondo dell’equitazione e sottolineando come, grazie all’aumento della sostenibilità degli sport equestri, la Federazione sia pronta a dare un “contributo concreto a uno dei temi di quella che è la futura società civile”.
– Foto spf/Italpress –
(ITALPRESS).


Loading