Etna, 40 anni fa: il dramma di Randazzo

Condividi
Tempo di Lettura: 5 minuti

di Boris Behncke


etna eruzione 1981
Ruderi di Casa Scala, una delle tante costruzioni distrutte dalla colata lavica principale dell’eruzione del marzo 1981 nelle campagne di Randazzo. Foto di Boris Behncke, INGV.

Marzo 1981. Da settimane l’Etna trema, con migliaia di piccoli terremoti, che man mano aumentano di frequenza ed intensità. E’ forse il segno che il fianco del vulcano sta per aprirsi da qualche parte per generare un’eruzione laterale? Per chi vive sull’Etna è un periodo di frenesia. L’ultima eruzione, estremamente pericolosa ma fortunatamente di breve durata, era avvenuta poco più di un anno e mezzo prima, ad agosto 1979.

Il 16 marzo 1981, le agenzie di stampa riportano la notizia all’estero: i vulcanologi stanno aspettando un’eruzione, probabilmente nel settore settentrionale della montagna, dove i terremoti sono maggiormente concentrati. Alcuni di questi terremoti vengono anche avvertiti dalla popolazione dei centri abitati più vicini, fra cui la cittadina di Randazzo, famosa per il suo centro storico medievale. I terremoti avvengono ad una frequenza di circa 50 eventi all’ora. Da una profondità di diversi chilometri una massa di magma spinge verso la superficie, tagliando il fianco della montagna come un cuneo, rompendo le rocce e così generando centinaia di scosse sismiche.

Comincia l’eruzione

Poco dopo l’ora di pranzo del 17 marzo, ad una quota di 2625-2500 m, iniziano ad aprirsi fratture nel versante nord dell’Etna. Ha inizio una delle più drammatiche e distruttive eruzioni dell’Etna degli ultimi secoli. Un evento che sarà di brevissima durata e che si svilupperà con una dinamica insolitamente violenta e rapida. L’evento fu osservato e studiato dai vulcanologi dell’Università di Catania e dell’Istituto Internazionale di Vulcanologia, istituto che è confluito nell’attuale Osservatorio Etneo dell’INGV.

In soli due giorni, le colate laviche inondano e devastano boschi, terreni coltivati, vigneti, casolari e abitazioni; tagliano strade, ferrovie, travolgendo le linee telefoniche ed elettriche. Per poco le colate non raggiungono la cittadina di Randazzo e il vicino borgo di Montelaguardia. Si sfiorò quanto accaduto nel 1928, quando il paese di Mascali fu quasi completamente distrutto da una colata lavica. Eruzioni di questo tipo rappresentano uno degli scenari più estremi per la regione etnea, soprattutto nel caso in cui dovessero colpire i settori più densamente popolati sui fianchi sud e sud-est.

L’inizio dell’eruzione è seguito direttamente dai vulcanologi sorvolando il vulcano in elicottero (Figura 1). Alle ore 13:37 del 17 marzo 1981, un sistema di fessure eruttive comincia ad aprirsi a quote comprese tra 2625 e 2500 m sul versante settentrionale dell’Etna. Accompagnate da fontane di lava ed occasionali esplosioni freatomagmatiche causate dall’interazione fra il magma incandescente e la spessa coltre di neve presente sul vulcano, vengono emesse diverse colate laviche di piccola entità. Nel frattempo il sistema di fratture eruttive continua a propagarsi verso NNW, in direzione della città di Randazzo.

etna eruzione 1981
Figura 1 – 17 marzo 1981. Dall’elicottero, i vulcanologi catanesi osservano l’apertura delle prime fessure eruttive (le aree nere nella parte sinistra dell’immagine) sul versante settentrionale dell’Etna. Sullo sfondo, una densa nube di cenere marrone viene emessa dal cratere Bocca Nuova, segno di sprofondamenti all’interno del condotto dovuti alla sottrazione di magma attraverso l’eruzione laterale. Foto di Romolo Romano, Istituto Internazionale di Vulcanologia.

La colata di lava

Nella serata del 17 marzo si apre una frattura a quota 1800 m slm, dalla quale una voluminosa colata lavica comincia ad avanzare molto rapidamente verso nord, minacciando l’abitato di Montelaguardia, a pochi chilometri a est di Randazzo (Figura 2).

etna eruzione 1981
Figura 2 – Fessura eruttiva a 1800 m sul versante nord-occidentale dell’Etna, nel mattino del 18 marzo 1981, vista da elicottero. Foto di Salvatore Cucuzza, Università di Catania.

Nelle prime ore del 18 marzo, il sistema di fratture eruttive si propaga ulteriormente verso il basso e nella tarda mattinata raggiunge quota 1400. La colata lavica principale (alimentata dalla frattura a 1800 m) segue un percorso che si dirige fra Randazzo e Montelaguardia (Figura 3). Le nuove colate emesse dalle bocche più basse cominciano a scendere direttamente verso Randazzo.

etna eruzione 1981
Figura 3 – Un’immagine drammatica dell’immenso pericolo che corre la cittadina di Randazzo durante le ore culminanti dell’eruzione del marzo 1981. La colata lavica principale scorre ad appena un chilometro dalle prime case, interrompendo strade, ferrovie, linee telefoniche ed elettriche, dirigendosi verso il fiume Alcantara. Foto di Salvatore Cucuzza, Università di Catania.

I danni

In poche ore, la colata principale distrugge dozzine di case di campagna e terreni coltivati e taglia tutte le vie di comunicazione: i binari delle Ferrovie di Stato e della Ferrovia Circumetnea, la S.S. 120 e diverse altre strade (Figure 4 e 5). Interrompe le linee elettriche e telefoniche, lasciando Randazzo al buio ed isolata. Rallentando, la colata raggiunge l’alveo del fiume Alcantara dove si ferma senza aver toccato il fiume stesso, ad una distanza di 7.5 km dalle bocche eruttive.

etna eruzione 1981
Figura 4 – La colata lavica principale risparmia gli abitati di Randazzo e Montelaguardia, ma distrugge centinaia di strutture, tra casolari di campagna, seconde case, palmenti, fattorie. Questa scena, vista dall’elicottero il 18 marzo 1981, mostra la strada statale S. S. 120 tra Randazzo e Linguaglossa coperta dalla lava, che distrugge edifici e seppellisce campi e vigneti. Foto di Salvatore Cucuzza, Università di Catania.
etna eruzione 1981
Figura 5 – 18 Marzo 1981, la lava interrompe il binario della ferrovia Circumetnea immediatamente ad Est di Randazzo. Vengono anche interrotti tutti i collegamenti stradali sul versante N dell’Etna. Foto di John Guest, presa dal libro “Mount Etna, the Anatomy of a Volcano” (Chapman & Hall, 1985)

Finalmente si arresta

Continua intanto la propagazione del sistema di fratture eruttive, che termina nel pomeriggio del 18 marzo con l’apertura di alcune piccole bocche a quota 1250-1115 m, dalle quali escono solo minori volumi di lava. Infine, l’eruzione comincia a perdere forza, e la colata che sta minacciando Randazzo rallenta. Per alcuni giorni (fino al 23 marzo) continua una debole attività stromboliana alle bocche poste a quota 1250-1115 (Figura 6). Le emissioni alimentano scarsamente la colata in direzione di Randazzo che finalmente si arresta a 2 km dall’abitato il giorno 23 marzo.

etna eruzione 1981
Figura 6 – Dopo il 19 marzo 1981 rimangono in attività ancora le bocche più basse, a quota 1115 m, ma senza ormai minacciare Randazzo. L’attività cessa il 23 marzo 1981. Foto di Salvatore Cucuzza, Università di Catania.

Il volume totale di lava emessa in questa eruzione è stimato di circa 20-30 milioni di metri cubi. Nonostante questo volume sia relativamente modesto, i tassi effusivi durante i primi due giorni dell’eruzione hanno raggiunto picchi eccezionali di circa 600 m3 di lava emessa al secondo.

Nei racconti degli abitanti, raccolti molti anni dopo, si riconosce il dramma di quei tre giorni, dal 17 al 19 marzo 1981, che per poco non ha colpito Randazzo e il vicino borgo di Montelaguardia. Storie di case e terreni persi, di persone salvate in extremis, di cisterne che esplodevano quando la lava le riempiva entrando in contatto con l’acqua presente, di bestiame in agonia e contadini disperati, incapaci di salvarli perché la lava avanzava rapidamente. Dai loro racconti emerge anche che la popolazione non aveva appreso dell’avviso di un’eruzione imminente arrivato invece nei media all’estero il giorno prima. Molti si accorsero dell’eruzione solo quando la lava stava già passando a poche centinaia di metri dalla periferia di Randazzo.

etna eruzione 1981
Figura 7 – Sistema di fessure ed evoluzione temporale del campo lavico dell’eruzione dell’Etna del 1981. Nella figura sono indicate le infrastrutture ricoperte dalla lava, la città di Randazzo, il fiume Alcantara e i crateri sommitali: Bocca Nuova (BN), Voragine (VOR), Cratere di Sud Est (SEC) and Cratere di Nord Est (da https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1029/2011GC003876)

Nell’immagine di copertina: le colate laviche dell’eruzione del 1981 sopra Randazzo, la notte del 18 marzo 1981. Foto di Giovanni Signorino.

The post Etna, 40 anni fa: il dramma di Randazzo appeared first on INGVvulcani.

INGV

 306 Visualizzazioni