Confagricoltura premia progetti di agricoltura sociale

Condividi

Tempo di Lettura: 3 minuti ROMA (ITALPRESS) – Un milione a sostegno dei progetti di agricoltura sociale sul territorio: è il bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale”, arrivato all’ottava edizione e promosso da Confagricoltura, Senior L’età della saggezza Onlus e Reale Foundation, in collaborazione con la Rete Fattorie Sociali e l’Università di Roma Tor Vergata, convinte sostenitrici dello sviluppo delle attività che […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 3 minuti

ROMA (ITALPRESS) – Un milione a sostegno dei progetti di agricoltura sociale sul territorio: è il bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale”, arrivato all’ottava edizione e promosso da Confagricoltura, Senior L’età della saggezza Onlus e Reale Foundation, in collaborazione con la Rete Fattorie Sociali e l’Università di Roma Tor Vergata, convinte sostenitrici dello sviluppo delle attività che l’agricoltura realizza nell’ambito sociale, per promuovere la solidarietà e il valore delle persone attraverso questo comparto, fondamentale elemento inclusivo. “Siamo all’ottava edizione e siamo molto orgogliosi di quello che abbiamo fatto in questi anni. Otto anni in cui le imprese hanno saputo coniugare al meglio l’esigenza produttiva, l’esigenza economica tipica dell’attività di impresa, con l’inclusione delle persone, mettendo al centro le persone”, ha detto Annamaria Barrile, direttore generale di Confagricoltura. “E’ un’esperienza che ha portato loro un milione di euro distribuiti negli ultimi 8 anni, siamo orgogliosi per essere stati da subito proattivi sul tema dell’agricoltura sociale, facciamo parte dell’osservatorio, abbiamo avviato questa iniziativa, all’inizio da soli, adesso abbiamo dei partner d’eccezione come Reale Foundation che ci aiuta da tempo su questo progetto e partner eccezionali come la rete delle fattorie sociali e l’Università Tor Vergata. Quindi è un giorno di festa, di orgoglio perchè dimostriamo ancora una volta che l’agricoltura non solo è il perno della crescita economica di questo Paese ma è anche capace di essere il perno dell’inclusione sociale”, ha aggiunto.
Angelo Santori, presidente di Senior L’Età della Saggezza Onlus, ha spiegato come “sono ormai otto anni che ci impegniamo a valorizzare i progetti di agricoltura sociale. I quattro premiati ogg confermano e rafforzano la validità del nostro impegno per sostenere le iniziative di agricoltura riconducibili alla solidarietà tra le generazioni, all’occupazione e all’assistenza sociosanitaria dei soggetti più deboli, rendendoli protagonisti di questo modello virtuoso d’inclusione e di tutela dei diritti civili”. In Italia le aziende agricole che, oltre alla coltivazione e all’allevamento, svolgono attività sociali sono cresciute del 250% in otto anni (fonte: Ismea 2020). L’agricoltura sociale è praticata dal 12,5% del totale delle imprese agricole. “Conferire questo prestigioso riconoscimento avvalora il ruolo svolto da Reale Group nel generare impatti positivi in ambito sociale”, hanno affermato Virginia Antonini, Group Chief Sustainability & Institutional Communication Officer e Luca Rossin, responsabile Reale Foundation. “Questo impegno si fonda su solide relazioni con le eccellenze del nostro Paese, come Confagricoltura. Promuovere iniziative a favore dell’agricoltura sociale crea opportunità di inserimento lavorativo per i soggetti più fragili. Questa prospettiva incarna il nostro impegno continuo a contribuire positivamente alla comunità e al benessere delle persone secondo i nostri valori”, hanno agginto. Il presidente della Rete Fattorie Sociali, Marco Berardo Di Stefano, ha ricordato che “anche quest’anno le realtà vincitrici potranno realizzare iniziative a favore di soggetti fragili. Auspico che possa riprendere presto il lavoro dell’Osservatorio nazionale dell’agricoltura sociale, completando così il percorso della legge nazionale, con la pubblicazione delle linee guida, strumenti essenziali per permettere all”agricoltura sociale di esprimente tutto il proprio potenziale”. I progetti premiati sono: “No No Aut” di Cascina Don Guanella di Lecco, un progetto educativo per accompagnare alla vita adulta i giovani a rischio di esclusione, attraverso il coinvolgimento nella filiera agricola, dalla produzione ai processi di trasformazione dei prodotti.
“Tourism 4 All” della società cooperativa agricola Narnia di Foggia: una proposta innovativa che, creando opportunità di integrazione, punta a realizzare un’occasione di inserimento sociale e un processo di cambiamento culturale. Questo progetto offre un servizio alla comunità territoriale, offrendo una vacanza a persone con disabilità fisica e/o psichica e a donne in situazione di svantaggio, nonchè a minori e a giovani in condizione di disagio sociale e alle loro famiglie.
“In Cassetta” dell’Azienda Agricola Gagliardo Briuccia Valentina è stata premiata per aver colto i nessi sociali, economici e produttivi che legano l’agricoltura a Palermo, diventando strumenti per promuovere l’integrazione di fasce deboli e fragili. Il punto di forza del progetto è la collaborazione con l’associazione che eroga servizi socioeducativi e socioassistenziali sul territorio. Il premio speciale è andato a “La Casa della Legalità di Forlì. “Terra Libera e Solidale” ha ottenuto la concessione, a Forlì, del terreno Ex Limonetti, di un’aula formativa e del circolo ex-Marini, confiscati alla criminalità organizzata. L’obiettivo è creare uno spazio verde inclusivo, per promuovere attività ed eventi insieme alla protezione ambientale, allo sviluppo sostenibile della legalità e dell’economia circolare. Nel 2023 è iniziata la realizzazione della Casa della Legalità, con un orto biologico condiviso, e sarà progettato un giardino della biodiversità e un sentiero natura, per le attività formative-naturalistiche e di educazione.
(ITALPRESS).
– Foto: ufficio stampa Confagricoltura –


Loading