“C’è ancora domani” di Paola Cortellesi vince il Goteborg Film Festival

Condividi

Tempo di Lettura: < 1 minuto ROMA (ITALPRESS) – “C’è ancora domani”, l’acclamatissimo film di Paola Cortellesi, ha vinto il Dragon Award per il Miglior Film Internazionale all’interno della 47esima edizione del Gòteborg Film Festival, principale manifestazione cinematografica dell’area scandinava, che ogni anno attira più di 160.000 visitatori che partecipano a più di 1.000 proiezioni di 450 film.Il premio è il […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto

ROMA (ITALPRESS) – “C’è ancora domani”, l’acclamatissimo film di Paola Cortellesi, ha vinto il Dragon Award per il Miglior Film Internazionale all’interno della 47esima edizione del Gòteborg Film Festival, principale manifestazione cinematografica dell’area scandinava, che ogni anno attira più di 160.000 visitatori che partecipano a più di 1.000 proiezioni di 450 film.
Il premio è il risultato del voto del pubblico che era presente al Festival. Il film è stato proiettato il 29 e 30 gennaio alla presenza della regista e attrice e dell’interprete Emanuela Fanelli che si sono fermate in entrambe le occasioni per un lungo dibattito con il pubblico. Le due proiezioni hanno registrato il tutto esaurito e il film ha suscitato l’evidente entusiasmo dei presenti in sala. Nei giorni successivi, Paola Cortellesi ha ricevuto l’attenzione dei principali organi di stampa locali.
E’ la prima volta che un film italiano vince il premio per il Miglior Film Internazionale al Festival di Gòteborg. In precedenza, tre pellicole italiane avevano vinto invece il premio Ingmar Bergman per la Migliore opera prima: “Corpo celeste” di Alice Rohrwacher nel 2012, “Via Castellana Bandiera” di Emma Dante nel 2014 e “Bella e perduta” di Pietro Marcello nel 2016.
“C’è ancora domani” sarà distribuito in trenta sale svedesi dal Folkets Bio a partire dal 1° marzo. Il 26 febbraio si terrà presso l’Auditorium dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma un’anteprima pubblica, per cui le prenotazioni sono andate esaurite in pochi giorni.


foto: ufficio stampa Farnesina

(ITALPRESS).

Loading

Lascia un commento