Al via bando Anci-Ics “Sport missione comune”

Condividi

Tempo di Lettura: 3 minuti Il Credito Sportivo mette a disposizione oltre 100 milioni di euro per mutui a tasso fisso

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 3 minuti

ROMA (ITALPRESS) – Sostenere la realizzazione, la riqualificazione e gli interventi di efficientamento energetico dell’impiantistica sportiva anche connessi al PNRR. E’ questo l’obiettivo del bando “Sport Missione Comune 2023” promosso dall’Istituto per il Credito Sportivo (ICS), in collaborazione con l’ANCI, e rivolto agli Enti Territoriali. La misura, introdotta dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi e presentata dal Vicepresidente Vicario di ANCI, Roberto Pella, dalla Presidente ICS, Antonella Baldino, dal Segretario Generale di ANCI, Veronica Nicotra e dal Direttore Generale di ICS Lodovico Mazzolin, consente ai Comuni, Unioni di Comuni, Comuni in forma associata, Città Metropolitane, Province e Regioni di presentare le istanze per usufruire dei contributi in conto interessi deliberati dal Comitato di Gestione dei Fondi Speciali ICS a fronte degli stanziamenti dedicati nella legge di bilancio 2023. Grazie a questi contributi, ICS mette a disposizione oltre 100 milioni di euro per mutui a tasso fisso da stipulare obbligatoriamente entro il 31 dicembre 2023 con totale abbattimento degli interessi, consentendo agli Enti Territoriali di risparmiare circa 30 milioni del costo del finanziamento.
“Per le amministrazioni avere un sollievo che consente di avere finanziamenti a 20 anni a tasso zero credo sia determinante. Mi auguro che ci sia la capacità di generare progetti. Da questo punto di vista il gioco di squadra tra Ics, Anci e Sport e Salute può essere molto importante: questa collaborazione, insieme alla necessaria pianificazione e alla ripetitività di questo bando, possono raggiungere l’obiettivo del miglioramento dei nostri 80mila impianti in tutta Italia”, ha detto il ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi. “Il sistema Paese si sta orientando a una sensibilità, mi auguro definitiva, sul rispetto dell’ambiente. E’ evidente che il consumo del territorio – ha aggiunto – va esattamente nella direzione opposta. Il Pnrr ci ha obbligati, purtroppo, al 50% di nuova edificazione in ambito sportivo, e questo bando invece si rivolge principalmente alla riqualificazione. Abbiamo quattro temi da servire al meglio che sono la messa in sicurezza, l’intelligenza tecnologica, l’educazione dal punto di vista energetico e ambientale, l’inclusivita dal punto di vista di barriere architettoniche che vanno abbattute”, ha concluso il ministro.
“In un contesto di rialzo dei tassi di interesse, l’Istituto rafforza il supporto finanziario agli Enti Territoriali per promuovere gli investimenti in impiantistica sportiva, favorendo la transizione sostenibile dei territori”, ha sottolineato il presidente di ICS Antonella Baldino. “Un sostegno concreto all’economia reale attraverso soluzioni che prevedono l’abbattimento dei tassi per mutui con durata fino a 15 anni. Una leva finanziaria importante per la realizzazione di interventi di transizione ecologica, di rigenerazione urbana e l’attuazione di progettualità del PNRR”, ha aggiunto.
Roberto Pella, vicepresidente vicario Anci, ha sottolineato come i “dieci anni di collaborazione tra Ics e Anci hanno portato oltre tremila cantieri, ma soprattutto hanno consentito ai Comuni di non indebitarsi in quanto avranno la possibilità di fare mutui a 25 anni a tasso zero. Rilanciare lo sport che oggi credo sia fondamentale non solo per i grandi eventi, ma soprattutto per un aspetto sociale, di integrazione e di valore all’interno delle nostre municipalità”.
Le risorse di “Sport Missione Comune 2023” possono essere utilizzate dagli Enti Territoriali per finanziare la realizzazione di progetti, definitivi o esecutivi, o di fattibilità tecnico economica. Il bando, inoltre, finanzia i lavori di costruzione, ampliamento, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole. La misura è valida anche per le piste ciclabili. Il bando è a sportello e privilegia gli interventi relativi alle istanze presentate entro il 30 settembre 2023 e alcune categorie di interventi considerate prioritarie (es. efficientamento energetico, abbattimento barriere architettoniche, interventi antisismici). Il Bando 2023 è un’ulteriore tappa di un percorso virtuoso avviato da ICS e ANCI 8 anni fa, che ha consentito di erogare circa 1 Miliardo di finanziamenti a tasso zero per la realizzazione di 2.900 progetti di infrastruttura sportive in tutta Italia. “Oggi lanciamo il nostro nuovo bando che consentirà di accedere a oltre 100 milioni di finanziamenti agevolati con il totale abbattimento degli interessi, un sostegno molto significativo in questo contesto di tassi molto elevati. Da oggi Ics è a disposizione per accogliere le domande per la realizzazione, l’ammodernamento, il cofinanziamento di impianti sportivi anche legati al Pnrr”, ha concluso Lodovico Mazzolin, direttore generale Istituto per il Credito Sportivo.
– Foto xb1/Italpress –
(ITALPRESS).


Loading