Vittoria! Questo stato ha vietato il rilascio di palloncini a elio nell’ambiente

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Rilasciare palloncini nell’ambiente è illegale nello stato di Vittoria, in Australia. Lo ha deciso nei giorni scorsi l’Environmental Protection Agency, che ha introdotto anche pesanti sanzioni se si viene sorpresi a liberare palloncini a elio all’aperto. Un privato cittadino potrebbe sborsare oltre 10mila euro, un’azienda oltre 50mila.


Cifre che dovrebbero essere un buon deterrente e che, si spera, possano scoraggiare la dispersione nell’ambiente dei palloncini, molto pericolosi per gli animali e soprattutto per gli uccelli e gli animali marini.

L’inquinamento marino desta non poche preoccupazioni soprattutto a causa della presenza della plastica. I palloncini in particolare sono considerati uno degli oggetti inquinanti più dannosi per la fauna marina. Essi infatti vengono scambiati per cibo o possono intrappolare, coi fili, gli animali.

Da tempo il governo dello stato di Vittoria era al lavoro per l’introduzione di una legislazione che punisse severamente questa forma di inquinamento e dal 1° luglio sono ufficialmente in vigore le nuove norme, che conferiscono all’Epa anche maggiori poteri sulla questione:

La fauna selvatica può essere gravemente danneggiata o uccisa dai palloncini e dai loro attacchi. Gli animali possono impigliarsi o ingerire i resti di palloncini. Quelli che galleggiano nell’acqua possono sembrare calamari o meduse. I mammiferi marini, gli uccelli e le tartarughe spesso li scambiano per cibo. A Victoria, le foche e altri animali sono noti per essere rimasti impigliati in nastri di palloncini che possono causare danni duraturi, ha detto l’EPA

In alternativa ai palloncini all’aperto, l’Epa ha esortato gli abitanti dello stato a usare bolle di sapone, decorazioni di carta, fiori galleggianti o persino piantare un albero, purché sia approvato dalla giurisdizione della zona.

Una bella vittoria per la fauna selvatica. La speranza è che la legge, prevedendo multe salatissime, possa contribuire a proteggere la nostra fauna selvatica.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonti di riferimento: EPA

LEGGI anche:

 52 Visualizzazioni

Lascia un commento