Terna, 120 mln per il riassetto della rete elettrica di Roma Nord-Ovest

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

ROMA (ITALPRESS) – Entra nel vivo il piano di Terna per il riassetto della rete elettrica ad Alta e Altissima Tensione della Capitale. In particolare, la società guidata da Stefano Donnarumma investirà nei prossimi anni oltre 120 milioni di euro per incrementare la sicurezza di esercizio e la continuità del servizio di trasmissione nel quadrante Nord-Ovest dell’area metropolitana di Roma, al fine di soddisfare il crescente aumento di carico della città. Nel dettaglio, gli interventi pianificati da Terna, condivisi con Regione Lazio, Comune di Roma ed Enti gestori delle aree protette, consentiranno di demolire oltre 120 km di linee aeree a fronte della realizzazione di circa 45 km di nuovi collegamenti, di cui oltre la metà in cavo completamente interrato. Significativi benefici ambientali e paesaggistici deriveranno dalle demolizioni previste all’interno di aree naturali protette come il Parco di Veio dove, a fronte di 9,5 km di cavi interrati prevalentemente lungo la viabilità esistente e di 9 km di linee aeree, saranno smantellati più di 35 km di vecchie linee. Anche la Riserva Naturale della Marcigliana vedrà un beneficio in termini di riduzione di linee aeree: a fronte di 3 km di nuovi elettrodotti, ne verranno demoliti 4.
Nel complesso, a beneficiare delle attività pianificate da Terna saranno le comunità dei Municipi XV, XIV, XIII, nelle zone di Prima Porta, Settebagni, Valle Muricana, Giustiniana, Primavalle e Casalotti. Gli interventi previsti dal riassetto della zona Nord-Ovest della Capitale sono stati suddivisi in due gruppi distinti. Per il primo, che prevede la realizzazione di una nuova Stazione Elettrica e di brevi collegamenti misti aereo/cavo e un investimento di circa 80 milioni di euro, la fase di concertazione si è chiusa il 27 giugno con un “Terna Incontra” organizzato presso il Centro Anziani di Valle Muricana. Tecnici e ingegneri dell’azienda hanno incontrato cittadini, istituzioni e associazioni interessate dagli interventi per presentare tutti i dettagli e le caratteristiche delle future opere e rispondere alle domande dei soggetti coinvolti. Per quanto riguarda invece il secondo gruppo di interventi – in cui figura, tra gli altri, un nuovo elettrodotto in cavo interrato di circa 30 km e la demolizione della linea aerea di 35 km “Roma Ovest-Primavalle-Flaminia-Fiano Romano” – Terna, che investirà 45 milioni di euro, avvierà l’istanza di autorizzazione al Ministero della Transizione Ecologica entro la fine di giugno.
“E’ un progetto molto importante, previsto nel piano di sviluppo di Terna per assicurare una rete più efficace ed efficiente e un servizio di trasmissione elettrica più adeguato alle esigenze, sempre crescenti, di consumo da parte della città di Roma”, ha spiegato Chiara Pietraggi, responsabile Centro Sud Area Tirrenica, Gestione Processi Amministrativi di Terna.
“Ristabilire un sistema di solidarietà e di consapevolezza all’interno della cittadinanza sicuramente dà fiducia a una comunità che vuole delle certezze. Gran parte del nostro territorio è verde, ed è importante che ci sia anche un investimento sostenibile”, ha concluso Daniele Torquati, presidente del XV Municipio di Roma.


– foto xc4/Italpress –

(ITALPRESS).

 102 Visualizzazioni