Tagliano le dita alla leonessa, l’orrore del circo del Guatemala (e il lieto fine per Sasha)

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Quando Sasha era ancora cucciola, le sono state strappate le dita delle zampe anteriori affinché i suoi artigli non crescessero più e non fosse in grado di difendersi. Inizia così la terribile storia della leonessa, costretta per anni ad una triste esistenza in un circo del Guatemala. Quella tortura l’ha segnata indelebilmente: a causa della ferita provocata dal taglio delle dita, infatti, il povero animale ha cominciato a zoppicare e soffrire in modo atroce. E sei anni dopo, l’infezione causata dalle ferite ha portato all’insorgenza di un tumore.


Soltanto a seguito della messa al bando dei circhi con animali in Guatemala, nel 2018 gli attivisti  di Animal Defenders International (ADI) sono intervenuti, portando via Sasha per cercare di offrirle una seconda vita. Dopo una serie di esami veterinari, è arrivata la diagnosi per la leonessa: fibrosarcoma, un tumore maligno che aveva colpito ormai tutta la gamba, distruggendone le ossa.

Leggi anche: La leonessa salvata dallo zoo degli orrori operata per l’infezione causata da anni di incroci tra consanguinei

La seconda vita dell’indomabile “principessa Sasha”

Nonostante la sua debolezza, la forte e bella, Sasha ha mostrato la sua grande personalità all’Unità di Soccorso Temporaneo, dominando Kimba, Tomas e altri – spiegano i volontari della Ong ADI  – Abbiamo trasferito gli animali sopravvissuti adel dal Guatemala in Sud Africa nel gennaio 2020, dove Sasha ha potuto ottenere l’assistenza di cui aveva bisogno. Il dottor Caldwell ha optato per un approccio radicale e rivoluzionario: rimuovere tutto l’osso malato e sostituirlo con un impianto in titanio.

Oggi Sasha, che ha compiuto 10 anni, è riuscita a sconfiggere il cancro, grazie alle cure del team di veterinari. Ma, purtroppo continua a zoppicare.

Non soffre più, ma i tendini della gamba sono contratti a causa di una vita passata a zoppicare. Man mano che cresceva, non si allungavano e non crescevano normalmente.  chiarisce  – Animal Defenders International –  La fisioterapia con giocattoli e soprattutto palline la aiuterà a imparare di nuovo a usare la gamba, anche se potrebbe non ritrovare mai piena flessibilità e forza. Ma Sasha è sempre entusiasta di giocare a palla!

Visto che Sasha non riesce ancora a camminare bene, ha bisogno di assistenza e allenamento costante. Per questo il team di Animal Defenders International ha invitato chi può a fare una piccola donazione per regalare un futuro migliore a questa leonessa, che ha avuto una vita infernale. Chiunque voglia, può farlo attraverso la pagina Facebook della Ong:

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: ADI

Leggi anche:

 100 Visualizzazioni

Lascia un commento