Stop ai pesticidi e basta vigneti nelle Colline del Prosecco, la marcia che ci ricorda quanto le monocolture pesano sull’ambiente

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

In alcune località della provincia di Treviso,  domenica si è svolta  la “Marcia Stop Pesticidi” che dal 2017 (bloccata solo negli ultimi due anni dalla pandemia) ricorda come la produzione del Prosecco nella zona sia sempre più insostenibile.


Dietro a questa bevanda alcolica che non manca mai nei nostri aperitivi c’è infatti un risvolto che non tutti conoscono: una produzione particolarmente “pesante” per l’ambiente e la salute dei residenti della zona.

Non solo perché si utilizzano pesticidi sui vigneti ma anche perché i vigneti monopolizzano completamente il territorio e, come ormai è noto, le monocolture non sono certo amiche dell’ambiente e della biodiversità.

La Marcia Stop Pesticidi, che anche quest’anno è partita da Cison di Valmarino ed è arrivata a Follina, è stata l’occasione per ricordare che c’è una parte della popolazione che dice no alle monocolture e in particolare no ai vigneti, sia convenzionali che biologici. Entrambi, infatti, tolgono terreno utile alla biodiversità.

Leggi anche: Il bellissimo bosco veneto abbattuto per far spazio ai vigneti (e ai pesticidi), nonostante le proteste e le cause in tribunale


E le preoccupazioni per le monocolture di Prosecco sono più che mai legittime. Il Comitato Marcia Stop Pesticidi ricorda in particolare:

  • la distruzione del paesaggio tradizionale con sbancamenti, disboscamenti e abbattimento di siepi, oltre che la scomparsa della tradizionale “piantata veneta”
  • l’aumento del consumo di pesticidi, che è una diretta conseguenza dell’aumento della superficie utile alle vigne per la produzione del Prosecco. E tale uso di pesticidi, in terreni che spesso sono molto vicini alle abitazioni, rappresenta un pericolo per la salute dei residenti
  • la perdita di biodiversità, certificata anche da studi pubblicati dalla Lipu nel Dossier Campagne Silenziose

Proprio la LIPU Vittorio Veneto in un post su Facebook scrive che:

Diciamo basta ai vigneti del prosecco, che stanno distruggendo le reti trofiche, avvelenando aria, acqua e suolo nel trevigiano. La LIPU di Vittorio Veneto è in prima linea per fare questa battaglia, prima di tutto attraverso i monitoraggi degli uccelli comuni nelle campagne, come il saltimpalo, che stanno scomparendo per colpa dei pesticidi! Noi cerchiamo, mappiamo e studiamo le specie che vivono e si riproducono negli agroecosistemi, per porre l’attenzione sulla necessità di una loro migliore tutela!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Marcia Stop Pesticidi / Facebook LIPU Vittorio Veneto

Leggi anche:

 60 Visualizzazioni

Lascia un commento