Repliche d’autore: in Illinois c’è la copia della Torre di Pisa

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Immaginate di trovarvi, per qualche ragione, a Niles in Illinois. Nel mezzo della vostra esplorazione della città scoprite un parco, Ilgair Park: un piccolo polmone verde di 22 acri. Decidete di entrare e di respirare a pieni polmoni i profumi della natura, quando eccola: davanti a voi c’è la Torre di Pisa. Allucinazioni? Niente affatto, in realtà vi trovate di fronte alla Leaning Tower of Niles, la Torre Pendente del Nilo.


No, non state sbagliando: si tratta della replica della Torre di Pisa. La sua è una storia curiosa, che risale agli anni Venti. In buona sostanza, l’Ilgair Park di Niles venne costruito negli anni Venti dall’industriale Robert Ilg. Quest’ultimo voleva creare qualcosa che fosse a metà tra un parco naturale e un parco ricreativo, perché sognava di dare ai dipendenti della sua compagnia un po’ di respiro tra un turno di lavoro e l’altro.

Decise così di installare due grandi piscine all’aperto. Le piscine, però, dovevano essere alimentate da un grande serbatoio che avrebbe stonato con l’ambiente armonioso e poetico che voleva restituire. Così, preoccupato di preservare le bellezze naturali della zona, decise di costruire proprio una replica della Torre Pendente di Pisa per nascondere la torre dell’acqua.

La torre di Niles in Illinois

L’idea era quella di costruire una torre che fosse grande la metà della Torre di Pisa originale. In effetti, all’inizio fu così: i lavori iniziarono nel 1931 e finirono nel 1934, dando vita a una riproduzione più piccola, interamente costruita in cemento armato. Con il passare del tempo, però, la Torre del Nilo si deteriorò e in più nel 1960 i discendenti di Robert Ilg donarono parte del parco alla città, a condizione che venisse spesa sempre una piccola cifra per i lavori di mantenimento della Torre.

Ciò non avvenne con la dovuta frequenza e la Torre iniziò a mostre delle crepe più ampie, più profonde. I lunghi cicli di gelo e disgelo della città la segnarono profondamente, rendendola inaccessibile e ben lontana dall’originale torre pisana. Tuttavia, negli anni Novanta, qualcosa cambiò: l’amministrazione di Niles decise di stabilire un patto di gemellaggio con Pisa, accedendo a nuovi fondi e dando alla Torre nuove speranze.

Torre pendente di Niles

Nel 1995 venne così avviato un progetto di ristrutturazione da 1,2 milioni di dollari. Il cemento è stato riparato e la Torre è stata ingrandita fino ad arrivare alla grandezza naturale. Sono state aggiunte nuove luci a ciascuno degli otto piani e intorno alla torre è stata sviluppata una piazza con quattro fontane, oltre che collocata un’ampia piscina che ne riflette la magnificenza.

Al suo interno sono state inoltre posizionate sette campane che creano una scala completa di note. Nel corso degli anni, infine, la Torre Pendente del Nilo ha subito diverse modifiche per essere finalmente riaperta al pubblico. Adesso l’edificio è visitabile, dunque, se capitate da quelle parti, non perdetevi l’occasione di fare questa strana ma imperdibile esperienza!

La torre di Niles in Illinois

 

 65 Visualizzazioni