Perché è il momento migliore per visitare le Ville Venete

Immerse nelle verdeggianti campagne e colline della regione, le Ville Venete rappresentano un patrimonio architettonico di assoluto valore, un elemento inconfondibile e caratteristico del paesaggio e della cultura locale. E questo è il momento perfetto per tornare ad ammirarle.

Dal 18 maggio, infatti, le splendide Ville, luoghi di benessere e svago per i ricchi proprietari dell’aristocrazia veneziana, hanno riaperto i battenti suscitando la curiosità di molti visitatori.

Naturalmente, le aperture avvengono in totale sicurezza con la garanzia del distanziamento sociale favorito anche dalle ampie dimensioni degli edifici. Inoltre, i percorsi all’interno dei parchi e delle ville stesse, sono organizzati in modo da evitare che le persone si incrocino le une con le altre.

Per ovviare al problema delle code e degli assembramenti, l’invito è quello di prenotare i biglietti online, comodamente da casa con un paio di click.

Il rispetto delle norme è però soltanto un piccolo prezzo da pagare per godere dell’intramontabile bellezza di uno dei segni distintivi del Veneto per eccellenza.

villa valmarana

Villa Valmarana – Foto: Flavio Vallenari iStock

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza, ad esempio, considerata vertice espressivo della pittura del Settecento, vi sorprenderà con la suggestiva arte dei Tiepolo che si regala nella magnificenza degli affreschi che adornano gli interni della Palazzina e la Foresteria. Famoso, sulla parete del salone centrale, il ritratto del Palladio.

Domenica 24 maggio riapre i cancelli anche il suggestivo Castello di Thiene, fulgido esempio di villa veneta pre-palladiana, unico nel suo genere sia per caratteristiche architettoniche che per funzione, ovvero quella di dimora civile.

Le sue magnifiche stanze custodiscono abiti antichi, una ricca collezione di ritratti e dipinti equestri, accessori di uso quotidiano, affreschi di grande pregio, e arredi d’epoca in uno sfarzo scultoreo che lascia senza fiato. L’ampio parco che lo circonda è oggi un romantico giardino dove ammirare una cedraia, una grotta e la roggia, un canale artificiale. In occasione della riapertura dopo il lockdown, il parco sarà eccezionalmente visitabile per una passeggiata di svago in totale sicurezza.

Imperdibile anche il Parco Frassanelle, incantevole tenuta di fine Ottocento che si estende fra dolci colline e verdi prati ed è una rarità nel panorama dei parchi del Veneto. Il suo territorio regala suggestivi itinerari che si snodano lungo la grotta, l’orrido, il boschetto di bambù e il tempietto neoclassico nonché percorsi naturalistici unici per osservare rare specie di piante e animali.

villa valmarana

Villa Valmarana – Foto: Meinzahn iStock

da Si Viaggia

 74 Visualizzazioni

Condividi