Meno prodotto stesso costo: la shrinkflation dilaga anche nel paese più popoloso del mondo

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Torniamo a parlare di shrinkflation, pratica diffusa ormai da diversi anni con cui i produttori riescono ad aumentare il loro margine di guadagno mantenendo stabili i prezzi. Al consumatore sembra di pagare la solita cifra ma è solo un’”illusione”, in quanto il prodotto è stato ridotto di dimensioni o contenuto.


Insomma, si paga uguale è vero ma si ottiene di meno e spesso il consumatore non se ne accorge.

Come già dicevamo, questa soluzione trovata dalle aziende per non aumentare i prezzi è in realtà diffusa da tempo un po’ in tutto il mondo, anche se è stata segnalata per la prima volta negli Usa. Non fa eccezione neppure l’Italia né un paese particolarmente popoloso e con una certa povertà diffusa come l’India.

In questi giorni, i quotidiani economici indiani stanno segnalando che, nonostante l’aumento dell’inflazione, alcuni prodotti come saponi e biscotti “stranamente” non stanno cambiando di prezzo. Come è possibile? Semplice, vengono ridotti i quantitativi all’interno delle confezioni, dunque il peso del prodotto è cambiato.

Le aziende stanno usando quindi proprio la “shrinkflation” per far fronte ai prezzi di produzione più elevati ma allo stesso tempo mantenere gli (ignari) clienti, che nella maggior parte dei casi non si accorgono dei cambiamenti.

Questo “giochetto” viene fatto da diverse aziende, tra cui l’unità indiana di Unilever Plc, la Britannia Industries Ltd e Dabur India Ltd che hanno scelto nell’ultimo periodo di “alleggerire” alcuni prodotti.

Ritesh Tiwari, Chief Financial Officer di Hindustan Unilever (i cui prodotti sono utilizzati quotidianamente da 9 famiglie indiane su 10) l’ha proprio dichiarato pubblicamente: ridurre il quantitativo di alcuni prodotti è “l’unico modo per noi di accettare gli aumenti di prezzo“.

Qualche esempio di shrinkflation? In India il famoso sapone Vim da 10 rupie (13 centesimi) circa 3 mesi fa pesava 155 grammi mentre ora il peso è di 135 grammi. L’aloo bhujia, invece, un popolare snack croccante e salato, è sceso a 42 grammi dai precedenti 55 grammi.

Un’altra tattica emergente tra le aziende in India (e non solo) consiste nell’offrire i cosiddetti pacchetti “ponte”. Hindustan Unilever, ad esempio, ha introdotto una nuova dimensione intermedia tra il sapone Lifebuoy da 10 e quello da 35 rupie, il che gli consente di ridurre il peso guadagnandoci di più.

Leggi anche: Non solo shrinkflation, attenzione a questi 4 trucchi comuni che usano per aumentare (di nascosto) i prezzi 

Tra inflazione, carenza delle materie prime dovuta al conflitto in corso, e produttori che forse si approfittano un po’ della situazione, dobbiamo stare particolarmente attenti a ciò che acquistiamo. Ricordate sempre di valutare il prezzo al chilo/litro di un prodotto e non quello finale.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Economics Times India

Leggi anche:

 56 Visualizzazioni

Lascia un commento