Mancini “Milan, Inter e Juve in prima fila, poi Roma e Napoli”

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

ROMA (ITALPRESS) – “Milan, Inter e Juve davanti a tutti. Poi vedo Roma e Napoli”. Questa la griglia di partenza della Serie A secondo Roberto Mancini. Il commissario tecnico della nazionale traccia una fotografia del campionato al via nel weekend, partendo dal Milan campione d’Italia. “Credo che l’entusiasmo dei giovani possa durare, Pioli ha dato alla squadra un gioco sicuro – sottolinea Mancini a ‘La Gazzetta dello Sport’ – L’estate ha trasmesso segnali confortanti, ma il calcio vero deve ancora cominciare. Leao? La sua vera forza sono i margini di miglioramento. Può crescere ancora molto e sta già facendo tanto. Così come può crescere Tonali. Per entrambi dovrà essere la stagione della maturità definitiva. De Ketelaere? Ha qualità importanti, atletiche e tecniche. E’ giovane e serve prudenza, ma non gli manca nulla per diventare un crac”. Il ct dell’Italia si sofferma anche sull’Inter, partendo dalle difficoltà difensive. “I 3 punti porteranno altra concentrazione, i difensori sono gli stessi e sono sempre stati affidabili. Bastoni può diventare un grandissimo difensore, ma deve darci dentro. Anche per lui questa è una stagione importante. Il punto è un altro: Lukaku in Italia fa la differenza. La partenza di Perisic? E’ un giocatore straordinario, ma se Gosens fa Gosens, l’Inter non perde molto. E’ arrivata a due punti dal Milan, non a 20. E ha un Lukaku in più”.
Mancini analizza poi il momento della Juventus: “L’infortunio di Pogba ha tolto tanto al progetto e tanto gli restituirà. Per me la Juve era già forte lo scorso anno. Di Maria ha classe e qualità per fare ancora la differenza. Io la Juve la metto sempre tra le favorite. Chiesa Va aspettato senza fretta. A dicembre o a gennaio, immagino. E poi la Juve diventerà un’altra cosa”. Subito dietro, il ct della nazionale mette Roma e Napoli “sullo stesso piano. In fondo si assomigliano – osserva Mancini – per lo spirito offensivo, per un progetto tecnico rifinito negli anni. Il Napoli ha perso Koulibaly e non è poco, ma ha preso giocatori interessanti. Arrivasse Raspadori sarei contento, perchè giocherebbe in Champions e crescerebbe in una squadra con ambizioni superiori. In un gioco così veloce e verticale si troverebbe bene. Per la Roma Dybala è un grande acquisto, tecnico e non solo emozionale. A me questa squadra piace molto, perchè votata al gioco e ha comprato giocatori in grado di sostenerlo, come Matic e Wijnaldum, che portano forza ed equilibri. E poi Mourinho è l’allenatore ideale per domare il rischio. Ha esperienza da vendere. E in questa squadra mi auguro che Zaniolo continui a migliorare”.
In ottica nazionale, Mancini ha le idee chiare e richieste precise al campionato. “Spero che Ciro Immobile continui a segnare tanti gol; che Pinamonti, se va al Sassuolo come leggo, possa disputare un ottimo campionato; che i giovani, come Fagioli, possano trovare spazio per crescere in esperienza e in personalità; che gli allenatori cerchino un gioco coraggioso e divertente; che la gente possa appassionarsi e trovare nel calcio uno svago in un momento socialmente non facile; che gli arbitri possano svolgere serenamente il loro mestiere; e che gli stadi siano sempre luoghi di rispetto e di sportività”, conclude il ct della nazionale.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).


 208 Visualizzazioni