Italia super a Basilea, Errigo e Gallo sul tetto d’Europa

Condividi

Tempo di Lettura: 2 minuti Ancora una pagina di storia scritta dalla scherma tricolore sulle pedane svizzere

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

BASILEA (SVIZZERA) (ITALPRESS) – Ancora una pagina di storia scritta dalla scherma azzurra. Agli Europei, al via ieri a Basilea, sono arrivati due ori, un argento, un bronzo. La portabandiera olimpica Arianna Errigo ha conquistato il titolo europeo nel fioretto, il terzo in carriera, a sette anni di distanza dall’ultima volta a Tbilisi 2017. La sciabola maschile, poi, ha centrato una strepitosa tripletta firmata dal trionfo di Michele Gallo, in una finale tutta azzurra senza precedenti con Luca Curatoli, secondo classificato, e Gigi Samele sul terzo gradino di un podio. E’ tornato, così, in Italia 19 anni dopo il trionfo di Aldo Montano a Zalaegerszeg 2005 il titolo europeo di sciabola maschile individuale. Michele Gallo, 23enne salernitano ha vinto 15-10 il “derby” campano con il napoletano Luca Curatoli, argento per la terza volta sul podio continentale. A completare la giornata perfetta il bronzo del capitano Gigi Samele. “Una gioia immensa vincere un Europeo 19 anni dopo un campione straordinario come Aldo Montano. Ed è fantastico farlo nel giorno in cui ha trionfato anche Arianna Errigo, la nostra portabandiera alle Olimpiadi, nonchè su uno storico podio con tre sciabolatori azzurri”, ha gioito Michele Gallo. Sciabolatori da urlo, ma l’Inno di Mameli suona ancora una volta, la terza in due giorni dell’Europeo di Basilea, anche per il fioretto. E’ l’eterna campionessa Arianna Errigo a compiere l’ennesima impresa di una carriera impressionante. La mamma-fuoriclasse della scherma azzurra festeggia così il Tricolore ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella vincendo per 15-10 la finale contro l’ucraina Myroniuk dopo una rimonta pazzesca. “Fantastico vincere dopo le emozioni vissute al Quirinale. E ora si può dire che, con me e Gimbo Tamberi, l’Italia ha scelto come alfieri anche due campioni d’Europa in carica. Un pò come lui, in finale, ho messo del pathos…”, ha sorriso emozionata l’azzurra a fine gara. Italia in cima al medagliere, con sette medaglie di cui tre d’oro. E domani sulle pedane della St. Jacobs Halle sono in programma le gare individuali di spada maschile e sciabola femminile. Per l’Italia i quattro spadisti in pedana saranno Gabriele Cimini, Davide Di Veroli, Andrea Santarelli e Federico Vismara. Nella sciabola femminile, invece, toccherà alle azzurre Michela Battiston, Martina Criscio, Chiara Mormile e Irene Vecchi.
– Foto Ufficio Stampa Federscherma –
(ITALPRESS).

Loading