Il parco acquatico del Minnesota è diventato il primo International Dark Sky Park del Paese

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Chi sa resistere al fascino di un cielo stellato? Siamo sicuri che in pochi riuscirebbero a non incantarsi alla vista di una volta celeste paragonabile solo ai dipinti realistici più belli. Sarà il fascino della notte incantata o quella convinzione radicata un po’ in tutti noi, di vedere nelle stelle i nostri desideri più grandi da realizzare, ma la ricerca del cieli più belli di sempre è ancora in cima alle cose che fanno smuovere i viaggiatori da tutto il mondo.


Meraviglia della natura e della notte, il cielo stellato è, ormai, una risorsa da proteggere e preservare, anch’essa vittima silenziosa dell’urbanizzazione e dell’inquinamento luminoso. Per essere osservato, e contemplato in tutta la sua bellezza, infatti, ha bisogno di luoghi bui per consentire alle stelle di mettere in scena i loro spettacoli più belli.

Ed è da questa consapevolezza che sono nati i Dark Sky Parks, dei parchi al buio all’interno dei quali la luminosità è volutamente tenuta al minimo con l’obiettivo, non solo di preservare uno spettacolo meraviglioso destinato ai sognatori e ai romantici, ma anche per tutelare gli ecosistemi terrestri e acquatici. E ora, anche il Minnesota ha il suo Dark Sky Parks.

Scelti dall’International Dark-Sky Association, questi parchi sono delle riserve protette dall’inquinamento luminoso che possiedono una qualità eccezionale di notti stellate in un ambiente notturno pressoché incontaminato. E il Voyageurs National Park, è adesso uno di loro.

Situato nella parte più alta del Minnesota settentrionale, al confine con il Canada, il Voyageurs National Park è un parco acquatico già particolarmente apprezzato per i suggestivi panorami naturali da esplorare in barca. A dicembre, però, un nuovo riconoscimento è arrivato da parte della Dark-Sky Association che lo ha dichiarato il primo International Dark Sky Park del Paese.

Un risultato assolutamente meritato visti gli sforzi di conservazione fatti dal parco negli ultimi due anni per garantire la riuscita del progetto. Per ottenere la certificazione, infatti, l’International Dark-Sky Association richiede ai candidati di affrontare il problema dell’inquinamento luminoso in modi concreto, non solo attraverso l’installazione di un’illuminazione efficiente dal punto di vista energetico e sostenibile ma anche con l’introduzione di iniziative di educazione pubblica sul cielo notturno.

Un impegno che però restituisce ampie soddisfazioni, non solo per la certificazione ottenuta, ma anche per il bellissimo spettacolo che da questo momento in poi potrà andare in scena all’interno del Voyageurs National Park regalandoci la visione di quel cielo notturno che ci ispira da generazioni.

Voyageurs National Park in Minnesota

Il Voyageurs National Park, in Minnesota, custodisce il cielo notturno più bello di sempre

Original Article

 108 Visualizzazioni