“Il contratto che vorrei”, CIMO organizza 4 incontri online con iscritti

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

ROMA (ITALPRESS) – Quattro incontri online per affrontare con gli iscritti le principali criticità dei medici dipendenti del SSN e formulare proposte concrete da introdurre nella piattaforma contrattuale della Federazione CIMO-FESMED. L’iniziativa del sindacato CIMO, aperta a tutti gli iscritti della Federazione, sarà l’occasione per un confronto serrato e vivace sui principali capitoli contrattuali, volto a trovare risposte adeguate a superare il disagio della categoria. “Le evidenti difficoltà che i medici dipendenti hanno affrontato negli ultimi due anni e mezzo, ovvero da quando è stato firmato l’ultimo contratto collettivo nazionale di lavoro della categoria, ci impongono di dare voce a tutti gli iscritti, e non solo a chi ricopre un ruolo politico all’interno del sindacato – commenta il presidente CIMO Guido Quici -. Con una legislatura agli sgoccioli e numerose incognite sul futuro politico ed economico del Paese, l’unica sede in cui possiamo realmente provare a cambiare le cose è l’Aran, dove speriamo di essere convocati subito dopo la pausa estiva per l’avvio delle trattative per il rinnovo del contratto dei medici e dei dirigenti sanitari”.
“Due anni di emergenza Covid-19 – prosegue – hanno imposto enormi sacrifici al personale sanitario, che ora è tempo di ricompensare. Non solo da un punto di vista economico, ma soprattutto di carriera, di condizioni di lavoro e di qualità della vita. Una volta raccolte, porteremo le istanze dei nostri iscritti alla controparte, e lotteremo con tutte le nostre energie affinchè queste possano essere accolte, consapevoli delle difficoltà che incontreremo nel corso della trattativa ma fermi nella convinzione che la finestra di opportunità offerta dal Covid-19 non resterà aperta per molto. Invito quindi tutti gli iscritti alla Federazione CIMO-FESMED a partecipare ai quattro meeting organizzati dalla Commissione Contratto e a far sentire forte la propria voce. Se non ora, quando?”.


– foto ufficio stampa Cimo-Fesmed –
(ITALPRESS).

 98 Visualizzazioni