I segreti della risata incondizionata

Iniziare a ridere per finta non è facile.

Ci piace la risata spontanea, quella che arriva dalla pancia e nasce per qualcosa di buffo o comico al quale assistiamo.

Qual è il problema? Che dobbiamo aspettare un film comico, un appuntamento di Zelig o di cabaret o un amico abile a raccontar barzellette ed aneddoti.

E va bene, eh!

Ma se potessimo iniziare a ridere liberamente? Senza interventi dall’esterno?

E’ importante ridere, anche per la nostra salute fisica, e non solo emozionale.

Nell’attesa di incontrarci dal vivo e conoscere tutti i segreti della risata, ecco qualche esercizio per te:

MATITA TRA I DENTI.

Prendi una matita, una penna, un pennarello, e tienilo tra i denti, come il coltello di un pirata!

Io ho usato la penna stilografica, perché si sa, sono una donna di classe!

Rimani in questa posizione, tenendo le guance morbide.

Se ti guardi allo specchio noterai che l’espressione è molto simile a quella di una persona che sta ridendo.

La mente influenza il nostro corpo, ed i pensieri ci fanno cambiare postura.

Ma è vero anche il contrario: assumendo una postura felice, anche se per finta, la mente produce nuovi pensieri.

Sperimenta, e poi raccontami com’è andata.

FACCE BUFFE.

Non aspettare di vedere un clown per ridere. Inizia a farti ridere da solo.

Mettiti davanti allo specchio, in bagno, la mattina.

Con ancora i capelli arruffati ed il segno del cuscino sul viso!

E fai le facce buffe!

Si chiama aerobica facciale, fa bene ai muscoli del viso e del collo, risveglia la microcircolazione e ti mette di buon umore.

Quale esempio?

Puoi guardare alcuni video di Jim Carrey, che ha davvero il viso di gomma ed assume fisionomie diverse.

Oppure guarda le mie foto qui sotto! Già solo queste fanno ridere!

Ricorda che “ridere non è deridere”, e se iniziamo a ridere di noi siamo già sulla via dell’illuminazione.

A cura di Carla Favazza

Forse ti interessa anche:

da Il Sorriso Quotidiano

Condividi