Forest Bathing a Courmayeur: immergersi nella natura per combattere stress e ansia con il potere terapeutico delle foreste

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Diversi sono gli studi che dimostrano come il contatto con la natura fa bene alla salute e al benessere della comunità, vi raccontiamo il potere delle foreste.


Se per alleviare lo stress e combattere l’ansia il dottore ci prescrivesse delle passeggiate lente e rilassate in montagna una volta a settimana, forse ci sembrerebbe una follia, questo perché per noi le terapie forestali sono ancora una novità. Tuttavia in Giappone sono state adottate dal sistema sanitario già ad inizio degli anni 80’ per tutelare la salute pubblica. Ma cosa sono? Da Courmayeur, la nostra esperienza.

Il potere della natura

©greenMe

Che camminare tra gli alberi sia fonte di benessere già lo sapevamo, ma ora ci sono studi e ricerche che supportano in modo scientifico la necessità di concepire il contatto con la natura come una vera medicina da prescrivere e un modo sano di vita per contrastare il caos della quotidianità, in cui restiamo per molte ore davanti al computer da multitasking, in spazi chiusi lontani dal verde.

Da qui la cosiddetta terapia forestale o forest bathing, letteralmente bagno di foresta. Non si tratta di una esperienza romantica o mistica. Immergersi nella natura e abbracciala con tutti i sensi è una vera pratica di prevenzione e promozione della salute confermata dalla scienza, che può essere prescritta, come si fa già in alcuni paesi, anche come una medicina complementari a supporto delle terapie convenzionali. (LEGGI anche Forest bathing, la terapia segreta degli alberi). 

Diversi sono i benefici non solo a livello psicologico e mentale, ma anche sugli effetti fisici dell’inalazione di composti organici presenti nell’ambiente forestale con effetti su diversi organi e apparati, come l’apparato respiratorio, l’apparato cardiovascolare e non solo. Infatti, chi lo pratica continuamente rafforza il sistema immunitario, riduce i livelli di ansia, depressione, angoscia e affaticamento e migliora il sistema cognitivo e lo stato d’animo.

Immergersi in Courmayeur

Courmayeur ai piedi del Monte Bianco

©Courmayeur Mont Blanc

Dove andare a fare una terapia forestale? Con l’immenso e variegato patrimonio di parchi, boschi e giardini di certo spazi per praticarla in Italia non mancano, eppure manca la diffusione, il riconoscimento, investire in ulteriori studi e supportare il prezioso contributo di chi si impegna già per l’accessibilità di queste pratiche. Grazie ad un progetto spinto da Cnr e Cai, una rete di stazioni di terapia forestale potrebbe ben presto nascere, almeno così ce lo auguriamo.

Giovanni Borello e Roberto Giunta ©greenMe

Noi, dalla mano delle guide naturalistiche di Trekking Habitat Giovanni Borello e Roberto Giunta, per circa due ore ci siamo immersi nella bellezza naturale di Courmayeur, un gioiello delle montagne valdostane che ci ha accolto durante il suo Green Weekend svegliando tutti i nostri sensi. È stata una esperienza rigenerante.

Guardare, ascoltare, annusare, toccare e tornare a casa non solo sentendosi meglio, ma esserlo per davvero.

LEGGI anche:

 34 Visualizzazioni

Lascia un commento