Europee, Sicilia regione più azzurra d’italia con il 23,7% di consensi

Condividi

Tempo di Lettura: 2 minuti Palermo (italpress) – la sicilia si conferma la regione più azzurra d’italia. Con oltre 350 mila preferenze, infatti, forza italia si attesta al 23,72 per cento nell’isola candidandosi a essere la prima regione nel paese per voti incassati dalla lista di forza italia – noi moderati – ppe. Un risultato pari a oltre il doppio […]

Loading

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Palermo (italpress) – la sicilia si conferma la regione più azzurra d’italia. Con oltre 350 mila preferenze, infatti, forza italia si attesta al 23,72 per cento nell’isola candidandosi a essere la prima regione nel paese per voti incassati dalla lista di forza italia – noi moderati – ppe. Un risultato pari a oltre il doppio di quello ottenuto dal partito a livello nazione e che stacca di quasi 4 punti quello di fratelli d’italia (20,18 % e 302.027 voti), e il movimento 5stelle che si ferma al 16,06 % (240.383 voti), quando ormai mancano una manciata di sezioni (5.298 sezioni scrutinate su 5.304). Un risultato per una regione che, dal momento della nascita del partito fondato di silvio berlusconi, ha sempre rappresentato una certezza in termini di preferenze raccolte, ma anche un successo che si consolida grazie alla strategia politica del presidente della regione siciliana, renato schifani, che ha saputo coinvolgere e aggregare le forze armate moderate rappresentate in sicilia da totò cuffaro e raffaele lombardo. Un dato ancora più significativo se si confronta con quello delle precedenti competizioni europee: nel 2019, quando a guidare i forzisti in sicilia c’era gianfranco miccichè, forza italia ha incassato 261.340 preferenze fermandosi al 16,99 per cento e occupando allora solo la terza casella preceduta da fdi con 319.439 voti (20,77%), e il m5s che rispetto a cinque anni ha praticamente dimezzato i consensi (479.562 voti al 31,18 per cento).
Non è un caso se a trionfare nella sfida interna alla lista di Forza Italia-Noi moderati sia stato proprio l’assessore Edy Tamajo, molto vicino al governatore siciliano, che ha ottenuto 120 mila preferenze, staccando di oltre 20 mila il collega di giunta Marco Falcone con circa 97 mila voti. Buon risultato anche per Caterina Chinnici vicina ad Antonio Tajani, arrivata terza (89.968), mentre solo quarto Massimo Dell’Utri (68 mila). “Con oltre il 23% dei consensi, Forza Italia è il primo partito in Sicilia – è il commento di Marcello Caruso, coordinatore siciliano di Forza Italia -. Un dato che va anche oltre le nostre previsioni, ma che era nell’aria dopo una campagna elettorale durante la quale il consenso era percepibile costantemente, in tutte le province e in tutti i settori, grazie soprattutto al generoso e infaticabile lavoro dei candidati e delle candidate, che si sono spesi senza sosta e senza risparmiarsi”. “Desidero ringraziare di cuore tutti i cittadini che hanno scelto di supportarmi in questa tornata elettorale – afferma a caldo Tamajo -. Questo straordinario risultato non è solo una vittoria personale, ma rappresenta il riconoscimento di un lavoro di squadra e dell’impegno condiviso per il bene della nostra regione. Sono onorato e profondamente grato per la fiducia che mi avete accordato”. Per Falcone i dati in via di definizione consegnano “agli archivi elettorali delle Europee un risultato largo e soddisfacente che mi rende, a questa tornata, il terzo candidato più votato d’Italia nella lista di Forza Italia. Abbiamo potuto contare sull’affetto e sul massiccio sostegno del popolo azzurro di Sicilia e Sardegna, maturando un risultato che va oltre le più rosee aspettative”.
(ITALPRESS).

– Foto: Angezia Fotogramma –

Loading