Djokovic-Tsitsipas e Swiatek-Jabeur le finali al Foro

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

ROMA (ITALPRESS) – Novak Djokovic si libera anche di Casper Ruud e punta dritto al trono di Roma, Stefanos Tsitsipas permettendo. In un 2022 fin qui complicato per il serbo, fra tornei saltati per la sua posizione no-vax e una condizione fisica non al top, sulla terra rossa del Foro Italico ecco arrivare una seconda chance per conquistare il primo titolo stagionale. Djokovic, sconfitto da Rublev nella sua Belgrado, giocherà la sua 12esima finale agli Internazionali d’Italia dopo aver regolato Ruud per 6-4 6-3. Sconfitto un anno fa da Nadal e a caccia della sua sesta corona a Roma, Nole dovrà però scontrarsi contro uno Stefanos Tsitsipas in crescendo. A una settimana dalla sconfitta in semifinale a Madrid, infatti, il 23enne ateniese si prende la sua personale rivincita superando in rimonta Alexander Zverev, che al Foro Italico ha vinto nel 2017 e perso l’anno dopo la finale contro Nadal. Tsitsipas, reduce dal successo di ieri con Sinner, non gioca forse il suo miglior tennis ma sfodera una prestazione di grande solidità, approfittando al meglio degli errori e dei passaggi a vuoto del rivale. Del resto sul rosso, Madrid a parte, il tedesco ha sempre sofferto Tsitsipas che su questa superficie lo ha battuto quattro volte su cinque compresa la vittoria di oggi. Per il greco 20esima finale in carriera, la terza stagionale dopo il trionfo di Montecarlo e la sconfitta a Rotterdam. Al femminile, invece, finale fra Iga Swiatek e Ons Jabeur. Diventata numero uno del mondo dopo il ritiro di Ashleigh Barty, la prima sta legittimando il suo trono e un anno dopo è ancora in finale a Roma. La 20enne polacca, campionessa in carica, spazza via anche Aryna Sabalenka (6-2 6-1 in un’ora e 18 minuti di gioco) e centra la 27esima vittoria di fila in questo 2022, eguagliando la quarta striscia vincente più lunga di sempre (Serena Williams, dalle Wta Finals 2014 a Madrid 2015). Fra la Swiatek e il quinto titolo di fila dopo Doha, Indian Wells, Miami e Stoccarda, l’ottavo della sua giovane carriera, c’è ora Ons Jabeur. La 27enne tunisina, testa di serie numero 9 e reduce dal successo di Madrid (secondo titolo in carriera dopo Birmingham 2021), riesce a piegare la resistenza di Daria Kasatkina per 6-4 1-6 7-5, annullando un match point nel nono gioco del terzo set dove si era fatta rimontare da 4-2 a 4-5. I precedenti sorridono alla Jabeur: la Swiatek si è imposta nel 2019 a Washington, poi successi della tunisina nel 2021 prima a Wimbledon e poi a Cincinnati.
– foto Image –
(ITALPRESS).


 50 Visualizzazioni