Di Maio “Non sono ottimista sulla pace in poche settimane”

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuti

ROMA (ITALPRESS) – “Putin deve dimostrare di volere la pace, ma in questa settimana ha intensificato i bombardamenti sul Donbass e ha esteso le fasce di età per potersi arruolare nell’esercito. Ma dobbiamo continuare a lavorare, l’Italia è in prima linea. Non sono ottimista sulla pace in poche settimane. Non è un percorso breve, ma una strada stretta in salita e difficile, ma questo non ci deve fermare”. A drilo Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, intervistato da Bruno Vespa nella rassegna “Forum in Masseria” a Manduria in provincia di Taranto. “L’Italia non ha mai smesso nè smetterà di lavorare a una soluzione che potrà riaccendere il negoziato – ha spiegato il ministro – Dopo il massacro di Bucha il negoziato si è fermato. Da dove si riparte? Da questioni sul terreno che possono ricostruire fiducia: sbloccare l’esportazione del grano dai porti ucraini, quello è un punto importante. Secondo, gli scambi di prigionieri. Terzo, cessate il fuoco e tregue localizzate per permettere l’evacuazione di civili o l’entrata di beni alimentari. Questo lo stiamo facendo”. Di maio ha parlato anche dell’ipotesi di una visita del leader della LEga matteo Salvini a Mosca. “A Salvini consiglio molta prudenza – ha affermato Di maio – Andare a Mosca non è una cosa da tour estivo, ma un pò più complicata. Ci sarà un motivo se fino a oggi dell’alleanza occidentale non ci è ancora andato nessuno. Quando si fa un’azione del genere bisogna pensare che si rappresenta tutto il Paese. Non voglio precludere alcuna possibilità, ma dopo la performance in Polonia…”.
(ITALPRESS).


 72 Visualizzazioni