Coronavirus, Di Marco (Irbm): “A breve vaccino sperimentale in Brasile e Sudafrica”

A capo del team c'é Stefania Di Marco, direttore scientifico di Advent (del gruppo Irbm), che ha raccontato all'agenzia Dire i risultati ottenuti Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print

ROMA – Molte compagnie che lavorano al vaccino sperimentale contro il virus che ha messo in ginocchio il mondo intero e che ora circola con forza in Brasile e Sudafrica, sono vicine al risultato. Una in particolare, l’Irbm, che ha sede a Pomezia, ha avviato la sperimentazione di fase II e III in Inghilterra. I risultati sono promettenti e a breve si riuscira’ a capire se il vaccino funziona ed e’ in grado di sviluppare l’immunita’ necessaria nella popolazione testata. A capo del team c’e’ una donna, Stefania Di Marco, direttore scientifico di Advent (del gruppo Irbm) che ha raccontato all’agenzia di stampa Dire via Skype i risultati ottenuti con forti investimenti di denaro ma anche di notti di lavoro intense. Sforzi che, spiega, non saranno vani neanche se il virus dovesse scomparire, perche’ ci si aspetta che torni a fare capolino in autunno. – Sono state prodotte da Advent-Irbm 13mila dosi di vaccino sperimentale contro il Covid-19.

– Cosa ha comportato arrivare a questi risultati in termini di investimenti economici e sforzi dei ricercatori? Inoltre e’ appena partita la fase II di sperimentazione del vaccino, qual e’ la risposta immunitaria dei soggetti testati?

“Noi ricercatori di Advent abbiamo investito soprattutto molto tempo poiche’ abbiamo lavorato notte e giorno, incluse le festivita’, per produrre questo vaccino in tempi rapidissimi. L’investimento economico invece dipende dall’universita’ di Oxford, che ha stipulato il contratto con il nostro gruppo per iniziare a lavorare a questo vaccino. Per quanto riguarda poi l’efficacia adesso sono partiti gli studi di fase II e III, ovvero gli studi di efficacia dove si testera’ la capacita’ di questo vaccino. I risultati pubblicati da pochissimo dei test sui macachi hanno dimostrato che il vaccino e’ in grado di evitare l’insorgenza della polmonite negli individui vaccinati rispetto ai non vaccinati. Insomma ci sono ottimi presupposti affinche’ funzioni, ma questo lo potremo sapere tra un po’ di mesi”.

– A voler fare delle previsioni, quando potra’ essere distribuito su larga scala con il contributo dei vostri partner che sono l’universita’ di Oxford e AstraZeneca?

“Per ora su come e dove verra’ distribuito il vaccino non sono in grado di dare una risposta, pero’ posso dire che noi stiamo producendo e continueremo a produrre il vaccino sperimentale per ulteriori studi clinici. AstraZeneca sta coinvolgendo inoltre tutta una serie di siti di produzione a livello mondiale per produrre su grande scala questo vaccino. Il problema sara’ proprio produrlo in milioni e miliardi di dosi. C’e’ bisogno di grandi gruppi per questo tipo di produzioni”.

– Visto che state testando in Inghilterra, le prime dosi del vaccino a quale Paese andranno? Ci sono categorie che ne beneficeranno prima rispetto alla popolazione generale?

“Gli studi clinici sono partiti in Inghilterra perche’ lo Jenner Institute e’ quello che pagato tutta la produzione del vaccino. In ogni caso li’ vicino ad Oxford c’e’ tutta una serie di siti clinici, e poi il contagio in atto in quelle zone era molto alto. Ecco perche’ e’ stato logico partire da li’ con la sperimentazione clinica. Per quanto riguarda la distribuzione, quando saranno disponibili le prime dosi, come spesso accade, si pensa sempre a vaccinare per prime le categorie di persone piu’ esposte all’infezione, un esempio su tutti gli operatori sanitari. Ma comunque il vaccino verra’ distribuito in tutto il mondo”.

– Se il virus dovesse sparire, volendo far chiarezza sulle ultime polemiche di ieri relative all’affermazione di un medico che ha dichiarato che il Covid sarebbe gia’ “estinto” come e’ successo per la Sars, che cosa si fara’ con questo vaccino?

“Il virus non e’ scomparso. Possiamo dire piuttosto che il virus circolante in Europa e’ meno virulento. Non e’ cosi’ pero’ in Brasile, in Sudafrica e nel resto del mondo dove la diffusione del Covid-19 e’ attiva ed in corso. A breve partiranno delle dosi di vaccino sperimentale proprio per Brasile e Sudafrica, perche’ adesso bisogna rincorrere il virus li’ dove ci sono i focolai attivi per testare l’efficacia del vaccino. E’ importante inoltre testare l’efficacia del vaccino ed eseguire studi clinici anche proprio in questi Paesi nel pieno della pandemia, perche’ e’ solo in questo modo che si riesce ad avere dei buoni risultati in tempi piu’ rapidi. Se non c’e’ piu’ un focolaio attivo ci vuole piu’ tempo a testare l’efficacia del vaccino. Per tornare alla sua domanda, se questo virus dovesse poi scomparire dobbiamo mettere in conto pero’ che potrebbe ritornare in ogni momento. Ecco perche’ avere un vaccino disponibile puo’ essere utile sia nel caso il Covid-19 dovesse tornare in autunno che se dovesse circolare un nuovo virus della stessa famiglia, ad esempio. In piu’ va messo in conto che in autunno inizieranno a circolare nuovamente virus influenzali”.

– Associare il vaccino contro il Covid-19 con quello antinfluenzale potrebbe rappresentare la scelta ottimale?

“Adesso le linee guida prescrivono, tra settembre e ottobre, di vaccinare quanti piu’ soggetti possibili con il vaccino antinfluenzale. Bisognera’ poi vedere la praticabilita’ di associare i due vaccini, in quanto vaccinare non e’ cosi’ facile. Adesso potremmo avere anche il problema di reperire per tutti le dosi di vaccino per l’influenza. Comunque, se ci fosse la possibilita’, sarebbe una buona idea associare il vaccino contro il Covid-19 a quello antinfluenzale”.

Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print

Leggi anche:

tamponi_coronavirus

Coronavirus, risalgono i contagi: sono 318. 55 le vittime

Coronavirus, Di Marco (Irbm): “A breve vaccino sperimentale in Brasile e Sudafrica”

smartphone_telefono_donna

Online il sito per scaricare l’app ‘Immuni’

bambino

VIDEO | Autismo, Muratori (Stella Maris): “No al trattamento unico”

coronavirus

Coronavirus, i nuovi positivi sono 178: mai così pochi dal 26 febbraio

Omceo Roma: “Riaprono gli ambulatori, ma le Asl non sono tutte pronte”

L'articolo Coronavirus, Di Marco (Irbm): “A breve vaccino sperimentale in Brasile e Sudafrica” proviene da dire.it.

 107 Visualizzazioni

Condividi
-->