Castel Trauttmansdorff: l’incanto del foliage nei giardini di Sissi

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

I Giardini di Castel Trauttmansdorff a Merano in Trentino Alto Adige si tingono dei colori dell’autunno: tutti gli 80 ambienti botanici che fanno parte del meraviglioso complesso cambiano volto, passando alle tonalità del giallo, dell’oro, dell’arancione e del rosso fuoco. Vengono chiamati anche “Giardini di Sissi” in onore di Elisabetta d’Austria, che a partire dal 1870 scelse il castello del parco come residenza.


Questo luogo rappresenta una tappa da non perdere per gli appassionati del foliage. Qui ogni spazio nella sua versione autunnale assume qualcosa di magico: l’area “Boschi del Mondo”, le foreste indiane e americane, le piante mediterranee e il rosso acero palmato nel Giardino Giapponese, tutto risplende di un incanto dorato.

Oltre al fogliame dal tipico colore autunnale, diversi fenomeni naturali invitano a visitare i Giardini di Sissi in questo periodo: nelle Terrazze di Riso Asiatiche, sul lato nord del castello, cresce il riso, nel palmeto le freddoline autunnali risaltano con i loro colori tenui e anche la collezione di 150 diverse qualità di salvia selvatica in questo periodo raggiunge l’apice della fioritura. Conferiscono ai Giardini un fascino particolare anche gli svariati frutti che maturano proprio in questi giorni: fichi, castagne, olive e melograni.

La collezione di dalie, fiori dai colori e dalle forme più varie, vi lascerà a bocca aperta: in questo periodo ne fioriscono diverse varietà, come quelle a collaretto, a palla, a pompon, a fiore di orchidea, di anemone, di ninfea, di cactus e di semicactus. Da non perdere anche la fioritura delle camelie Sasanquae e i fiori profumati delle palme cinesi Yae-arare.

Un’altra delle attrattive è sicuramente la visita al padiglione delle Piante d’autunno: un’installazione artistica, dedicata proprio alla stagione che precede l’inverno, che consiste in una cupola in ferro con all’interno delle foglioline in plexiglass dai colori caldi.

Un’altra attività a cui non rinunciare è la vista dal binocolo di Matteo Thun: una piattaforma panoramica dalla quale ammirare la meravigliosa vista del foliage e degli accesissimi colori che tingono il panorama.

Durante i giorni autunnali, che precedono la chiusura invernale dei Giardini, i visitatori avranno la possibilità di riflettere sull’importanza della biodiversità, tema scelto per l’anno 2020, grazie a due installazioni artistiche.

La prima è “Seed bombing”, realizzata da Officinadue, che consiste in una serie di ampolle di vetro contenenti vari semi per esprimere la metafora della caducità degli equilibri naturali.

La seconda sono gli “Insetti impollinatori su fiori” dell’artista Lorenzo Possenti, precise riproduzioni di insetti in formato XL. Un’ape legnaiola su fiore di Cisto e una coppia di farfalle azzurra mettono in evidenza quanto l’interazione tra insetto e fiori durante l’impollinazione sia importante per la conservazione della diversità della flora e della fauna.

Una vera e propria esperienza multisensioriale per vivere i Giardini di Castel Trauttmansdorff in una delle loro vesti più preziose!

  • Orari di apertura:

6 ottobre – 31 ottobre ore 9.00 – 18.00 (ultimo ingresso: ore 16.30)

1° novembre – 15 novembre ore 9.00 – 17.00 (ultimo ingresso: ore 15.30)

  • Biglietti:

Adulti – 11 euro

Bambini e ragazzi(sotto i 18 anni) – 11 euro

I biglietti sono acquistabili anche online

Per ulteriori informazioni: www.trauttmansdorff.it

Leggi anche:

Da GreenMe

 299 Visualizzazioni