Caffè: nuovi effetti collaterali a breve termine (sia benefici che dannosi) appena scoperti grazie agli smartwacth

Condividi
Tempo di Lettura: 3 minuti

Una nuova ricerca svolta con l ‘ausilio degli smartwatch ha scoperto che il caffè può avere effetti fisiologici a breve termine, sia positivi sia negativi.


Uno studio randomizzato ha analizzato il consumo di caffè tra 100 volontari per due settimane; riscontrando conseguenze a breve termine potenzialmente sia benefiche sia dannose. Bere caffè, infatti, sembra avere effetti sulla salute sia benefici sia pericolosi, come:

  • aumento del battito cardiaco anormale
  • aumento dell’attività fisica
  • riduzione della durata del sonno.

Il caffè è la bevanda più consumata al mondo, ma i suoi effetti sulla salute rimangono incerti. Sebbene la maggior parte degli studi osservazionali a lungo termine abbia suggerito molteplici benefici legati al consumo di caffè, questo è il primo studio randomizzato ad analizzare le conseguenze fisiologiche e in tempo reale sul consumo di caffè.

Lo studio

Lo studio si è basato su 100 volontari adulti, che hanno dovuto indossare dispositivi ECG a registrazione continua per monitorare il ritmo cardiaco, dispositivi indossati al polso per monitorare l’attività fisica e il sonno; e monitoraggi continui della glicemia per controllare i livelli di zucchero nel sangue per due settimane.

I partecipanti avevano un’età media di 38 anni, il 51% erano donne e il 48% erano bianchi. I ricercatori hanno anche ottenuto campioni di saliva del DNA, per valutare le varianti genetiche che possono influenzare il metabolismo della caffeina.

Tutti i pazienti, in modo casuale, sono stati invitati a evitare o consumare caffè, per non più di due giorni consecutivi ciascuno per 14 giorni consecutivi. Il consumo di caffè è stato registrato in tempo reale tramite un “pulsante timestamp” sul monitor ECG, e i ricercatori hanno monitorato i viaggi nei bar con il geotracking. Inoltre, tutti hanno completato questionari giornalieri per dettagliare quanto caffè avevano consumato ogni mattina.

I risultati

L’analisi ha rilevato un importante effetto collaterale, ossia il consumo di caffè era associato a un aumento del 54% delle contrazioni ventricolari premature, un tipo di battito cardiaco anormale originato nelle camere cardiache inferiori che si sentiva come un battito cardiaco saltato. 

Al contrario, invece, bere più caffè era associato a un minor numero di episodi di tachicardia sopraventricolare, un ritmo cardiaco anormalmente rapido derivante dalle camere cardiache superiori. Ma non è tutto, poiché il consumo di caffè era costantemente associato a più attività fisica e meno sonno. Nello specifico:

  • i partecipanti che hanno consumato caffè hanno registrato più di 1.000 passaggi aggiuntivi al giorno rispetto ai giorni in cui non hanno bevuto caffè.
  • nei giorni in cui i partecipanti hanno bevuto caffè, hanno dormito 36 minuti in meno a notte secondo i loro dispositivi smartwach Fitbit.
  • bere più di una bevanda al caffè ha più che raddoppiato il numero di battiti cardiaci irregolari derivanti dalle camere inferiori del cuore.
  • ogni tazza di caffè in più consumata era associata a quasi 600 passi in più al giorno, e 18 minuti in meno di sonno a notte.
  • non ci sono state differenze nel glucosio registrato continuamente misurato quando i partecipanti allo studio hanno consumato il caffè rispetto a quello evitato.

Più attività fisica, che sembra essere stimolata dal consumo di caffè, ha numerosi benefici per la salute, come la riduzione dei rischi di diabete di tipo 2 e diversi tumori, ed è associata a una maggiore longevità. D’altra parte, però, la riduzione del sonno è associata a una varietà di problematiche psichiatriche, neurologiche e cardiovascolari. Inoltre, battiti cardiaci anormali più frequenti dalle camere cardiache superiori influenzano il rischio di fibrillazione atriale, mentre battiti anomali più frequenti dalle camere inferiori, o ventricoli, aumentano il rischio di insufficienza cardiaca.

I partecipanti allo studio con varianti genetiche associate a un metabolismo più rapido della caffeina hanno mostrato battiti cardiaci più anormali originati dai ventricoli, quando veniva consumato più caffè. Più lentamente un individuo metabolizza la caffeina in base alla sua genetica, più sonno perde quando beve tale bevanda. Tutti questi risultati evidenziano la complessa relazione tra caffè e salute, e la ricerca ha come obiettivo quello di comprendere tale relazione in modo più approfondito.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: American Heart Association

Sul caffè ti potrebbe interessare:

 

 144 Visualizzazioni

Lascia un commento