Cade Philadelhia, vince Brooklyn, Lakers ok all’overtime

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

LOS ANGELES (STATI UNITI) (ITALPRESS) – La corsa agli ultimi pass in palio ma anche delle classifiche ancora da definire perchè c’è pur sempre un fattore campo che fa comodo. La regular season Nba si avvia agli sgoccioli ma ha ancora molto da dire, vedi la corsa al primo posto a Est. Che resta in mano a Philadelphia, battuta però 103-94 da Indiana. Sabonis firma la nona tripla doppia della stagione (16 punti, 15 assist e 13 rimbalzi) e tiene in vita i Pacers per i play-in mentre i Sixers, che erano in serie positiva da otto gare, sprecano la chance di blindare matematicamente la leadership della Conference per la prima volta dal 2001. Dietro, infatti, non molla Brooklyn, che supera 115-107 Chicago (21 punti e 8 assist di Durant, per i Bulls 41 punti di LaVine ma post-season ormai quasi sfumata) anche se al contempo deve continuare a guardarsi le spalle da Milwaukee (114-102 su Orlando, 27 punti di Antetokounmpo) che non ha ancora rinunciato al secondo posto. A Ovest Utah ringrazia invece Golden State, che supera 122-116 Phoenix. I Suns, a cui non bastano 34 punti di Booker, cadono sotto i colpi di Wiggins (38 punti), Green (11 punti, 11 assist e 10 rimbalzi) e Curry (21 punti) e sono a due partite dai Jazz. Per i Warriors (solo panchina per Nico Mannion) c’è invece la certezza di partecipare ai play-in. Lotteria dalla quale vogliono tenersi lontani i Lakers, che pur senza LeBron James – il cui impiego continua a essere dosato per consentirgli di recuperare al meglio dal problema alla caviglia – riescono a spuntarla all’overtime su New York per 101-99. Decisiva la tripla a 21″1 dalla fine di Horton-Tucker, senza dimenticare i 23 punti di Kuzma e i 20 di Davis. Qualificazione ai play-off che manca dal 2013 rinviata per i Knicks, che si avvicinano comunque al traguardo grazie alla vittoria di Miami su Boston per 129-121: gli Heat, trascinati da Herro (24 punti), sono al decimo successo nelle ultime 13 gare e possono continuare a contendere ad Atlanta il quinto posto a Est. Denver si assicura invece il fattore campo almeno per il primo turno dei play-off: il 117-112 su Charlotte (30 punti a testa per Jokic e Porter jr) garantisce ai Nuggets di chiudere almeno fra le prime 4 a Ovest, così come i Clippers, terzi per appena una partita e nella notte italiana vittoriosi per 115-96 su Toronto (20 punti di Leonard e 16 di George). Già certe di disputare la post season Memphis e Dallas, che provano a migliorare la propria classifica: la spuntano i Grizzlies (133-104) di un super Morant (24 punti, 8 assist e 7 rimbalzi). Per Nicolò Melli 16 minuti in campo corredati da 7 punti (2/7 dal campo con 1/3 da tre e 2/2 ai liberi), tre rimbalzi, una palla persa e una recuperata. Spera ancora Sacramento (122-106 sui Thunder con 27 punti di Davis e 21 di Hield), chiude il quadro delle gare di oggi il 119-100 di Minnesota su Detroit.
(ITALPRESS).


 43 Visualizzazioni