Bolsonaro ha fatto firmare al suo cane una legge contro gli abusi sugli animali

Condividi
Tempo di Lettura: < 1 minuto
(foto: SERGIO LIMA/AFP via Getty Images)

Se il presidente brasiliano Jair Bolsonaro non si preoccupa più di tanto degli incendi nella Foresta Amazzonica o dell’epidemia di Covid-19, il benessere degli animali invece sembra stargli particolarmente a cuore. Solo di quelli domestici, però. Approvata di recente dal Congresso brasiliano, una nuova legislazione nazionale prevede pene più severe della precedente per chi maltratta cani e gatti, con multe e detenzione tra i due e i cinque anni (in precedenza vigeva un regime con pene al massimo di 12 mesi). Si potrà addirittura vietare ai trasgressori di adottare nuovamente degli animali.


La cerimonia per la firma al Palazzo Planalto è diventata ben presto una fonte di meme su internet per i brasiliani e il resto del mondo, e per motivi ben fondati: Bolsonaro si è fatto immortalare dai fotografi mentre fa firmare al suo cane Nestor il testo legislativo, e diversi altri cani sono stati portati alla cerimonia (tra gli altri, un pitbull vittima di un abuso a colpi di machete in una città del Sud-Est).

Molti commentatori ritengono che la nuova legge non sia altro che un tentativo di migliorare la propria immagine di leader da parte di Bolsonaro, seguendo uno schema ben noto a molti populisti. È difficile che la legge possa venire effettivamente fatta rispettare in Brasile – un paese dal territorio vastissimo, dove non sempre le istituzioni centrali hanno presa – ma intanto Bolsonaro può giocarsi la photo opportunity col migliore amico dell’uomo. Nestor, però, aveva l’espressione di chi si sente usato.

The post Bolsonaro ha fatto firmare al suo cane una legge contro gli abusi sugli animali appeared first on Wired.

Da Wired

 261 Visualizzazioni