Allegri “Dybala grande, Bonucci out, rientra Szczesny”

Condividi
Tempo di Lettura: 2 minuti

Massimiliano Allegri, in conferenza stampa, nel mezzo tra la gara di Supercoppa persa al 120′ contro l’Inter e quella di campionato contro l’Udinese, ha parlato di tutto: dal mercato, a suo dire chiuso, all’importanza di Dybala, alla condizione fisica dei vari giocatori della Juve, sino alla multa inflitta a Bonucci.
“La Supercoppa è una partita secca. Il campionato è completamente diverso. Contro l’Udinese, che è una squadra molto forte fisicamente, che difende bene, dovremo giocare con grande lucidità e cercare di vincere, per invertire quelli che sono stati i risultati fin qui contro le squadre medio-piccole”, ha detto Allegri.
“La rosa è questa, ripeto, e con questi giocatori dobbiamo arrivare a fine anno. Stiamo crescendo come squadra e dobbiamo rimanere sereni. Gli obbiettivi sono sempre quelli: dobbiamo arrivare fra le prime 4 in campionato e provare ad andare avanti in Champions. Tornando sulla Supercoppa, ho detto che l’Inter è la squadra più forte del campionato ma le gare secche sono sempre una storia a parte. Abbiamo giocato bene, contro una grande squadra. E’ mancata qualche cosa in alcuni momenti ma la squadra, confermo, ha fatto bene e si è impegnata molto”, ha detto ancora il tecnico della Juve.
“Domani ci saranno dei cambiamenti: abbiamo giocato tanto. Fortunatamente stiamo tutti abbastanza bene, con le eccezioni di Danilo e di Bonucci, che riavremo dopo la sosta. Pellegrini sta bene, si è ripreso. Domani potrebbe partire dal primo minuto. In porta rientra Szczesny. Poi ho il dubbio su chi far giocare dall’inizio fra Bernardeschi e Kulusevski: contro l’Inter hanno fatto entrambi bene. Anche la gara contro l’Udinese potrebbe essere decisa dai cambi. McKennie sta crescendo ma può migliorare ancora. Lo stesso discorso vale per il resto della rosa. Rabiot? Per me ha fatto una buona prestazione, per quello che doveva fare, duellando sempre contro Barella, ha continuato Allegri.
Infine su Dybala e su Bonucci. “Io dei contratti dei giocatori non parlo. Paulo è un grande giocatore: è arrivato dal Palermo che era un bambino e adesso è cresciuto tanto. Ha avuto problemi fisici ma da qua a fine stagione deve dare il massimo. Al di là del contratto. Leo è stato multato. Pagherà la multa e si chiuderà il caso. La Juve è sempre stata rispettosa nei confronti degli avversari e degli arbitri”, ha concluso l’allenatore dei bianconeri, tornando sul battibecco che ha visto protagonista Bonucci e un dirigente nerazzurro nelle fasi finali del match contro l’Inter di mercoledì sera.
(ITALPRESS).


 42 Visualizzazioni